Magica Susanna

Le interviste di Fulvia

Magica Susanna

Susanna è una modella e ben lo sanno i suoi innumerevoli , davvero innumerevoli FANS . Per me è qualcosa di più. lei per me è una modella ed una amica speciale. Le donne belle intelligenti e gentili sono rare  e lei è una di queste. Susanna ed io abbiamo l’abitudine di incontrarci nei posti più disparati e ci facciamo gli immancabili “selfie”. Ci avrete sicuramente viste a MILANO, come non incontrarsi nella capitale della moda? Ma anche sulle spettacolari spiagge di KEY WEST  , così come nel nostro coffe shop preferito di MIAMI sul mitico divano bianco di pelle. o a MONTECARLO.  Ma questa intervista la ………giochiamo in casa ( MIA) !!!!!!!!!  Scegliamo di andare per un aperitivo sul grattacielo a TORINO e prima di accomodarci ci godiamo il tramonto sulle montagne e la città che si illumina, dal 35° PIANO. Ci fanno accomodare e come sempre facciamo fatica a passare inosservate . Qualcuno dal divanetto di fronte abbozza un timido saluto, qualcuno osa di più venendo a dirci che ci è caduto qualcosa , qualcuno le sorride , insomma in fondo sono una “Body Guard in piena regola “.  Poi arrivano le nostre spremute e possiamo iniziare la nostra chiacchierata.
 Susanna, la prima domanda mi sorge spontanea, tutte le modelle sono belle, ma tu hai quel qualcosa in più. Come si gestisce l’essere sempre ammirate e corteggiate?
Ciao Fulvia, ciao lettori di Supershine!
Probabilmente quella cosa in più è semplicemente il fatto di essere me stessa, di non essermi montata la testa e di non fingere di essere ciò che non sono. L’essere ammirate e corteggiate ovviamente fa piacere, anche se a volte, quando il “corteggiamento” e gli apprezzamenti sono eccessivi, può essere stressante. Non a caso, capita spesso che mi “imbruttisca” per evitare certi marpioni.
 Quando hai cominciato a pensare di fare la modella come mestiere?
Ho lavorato come modella fin dai tempi del
Liceo e dell’Università, senza però considerarlo un vero e proprio mestiere. Ho iniziato a prendere la cosa un po’ più seriamente dal momento in cui mi sono trasferita a Milano subito dopo l’università. Da quando invece ho firmato il contratto con l’agenzia di moda Elite Model Management di Miami, è diventato il mio mestiere.
Quanto tempo dedichi alla cura di te?
Non dedico molto tempo alla cura del mio corpo. Mi prometto sempre di farlo, ma poi non lo faccio mai. Un po’ per pigrizia e un po’ perché per fortuna il mio corpo si mantiene abbastanza bene anche senza particolari cure. Piuttosto dedico più tempo alla cura della mia pelle del viso da quando ho scoperto la linea age reverse di Miamo. Bastano 2-3imiti al mattino e sera, e una maschera a settimana, per avere una pelle radiosa e priva di imperfezioni (preciso che non sono stata pagata per dire questo, sono solamente super soddisfatta dei risultati miracolosi).
Una celeberrima pubblicità recitava “toglietemi tutto ma non…” come completeresti questa frase?
“…il mio anello”. Senza dubbio! È ciò che mi sta più a cuore. Non lo tolgo MAI. È un regalo da parte di mio padre che non c’è più.
Come seconda cosa invece direi “il passaporto”. Viaggiare è quello che mi fa stare meglio. Mi fa sentire libera, mi arricchisce, mi da tante risposte.
So che non ami una vita fatta di routine, ma ad un certo punto della tua carriera già avviata, hai fatto una valigia e sei addirittura volata dall’altra parte del mondo.
La parola routine non rientra nel mio vocabolario. Ho bisogno di muovermi, di fare nuove esperienze e di scoprire nuovi posti. Non riuscirei mai ad avere un posto di lavoro che mi obbliga a fare le stesse cos’è tutti i giorni nello stesso posto. Mi spegnerebbe dentro. Ho sempre bisogno di nuovi stimoli e dell’elettrizzante emozione del non sapere in quale parte del mondo mi troverò tra un mese, tra due settimane o addirittura domani!
Miami è sinonimo di lusso e posti fantastici tutto vero?
È vero e non vero. Non dimentichiamo che, come in tutte le grandi città, anche a miami ci sono zone più povere e meno “chic”. Però indubbiamente a miami si possono trovare alcuni tra i migliori e più lussuosi locali al mondo. Bisogna inoltre fare attenzione a non farsi travolgere troppo dal lifestyle sfrenato che contraddistingue questa città. Feste private in villa, yacht, jet privati, macchinoni, vip, miliardari, spiagge e mare da sogno, e chi più ne ha più ne metta. Posso dire che miami resta una delle mie città preferite e una delle poche in cui vivrei, se “presa a piccole dosi”. Anche perché, dopo un po’, anche tutto questo eccesso e sfrenatezza diventerebbero routine e perciò “banali”. Oltretutto non sono un’amante di discoteche e feste pazze, però miami offre anche relax, ottimi ristoranti e attività e passeggiate all’aria aperta.
Hai scattato con fotografi molto importanti, qualcuno che hai amato in particolare?
Sì, è vero. I miei 3 preferiti sono: Sylvio Testa, con cui ho scattato in giro per il mondo: Francia, Miami, Bali, Grecia. Alberto Buzzanca, che conosco da una decina di anni e David Benoliel, un fotografo che ho sempre ammirato e con cui poi ho scattato per un editoriale statunitense. Hanno stili molto diversi tra di loro e ognuno ha il suo stile inconfondibile. Mi ritengo molto fortunata ad aver avuto l’onore di scattare con alcuni tra i fotografi che considero più talentosi al mondo.
Un fotografi invece con cui vorresti scattare 
È difficile fare un nome solo. Ognuno ha la sua particolarità, non saprei davvero quale scegliere. Probabilmente Patrick Demarchelier. Però ammiro molto anche Steven Chee, Gilles Bensimon, Gavin O’Neill, Megan Claire, Alex Mavrin, Zoey Grossman e Thomas Louvagny.
Sfatiamo le voci che vogliono che tutte le modelle che posano in lingerie e fanno calendari siano tutte bad girls
Questa purtroppo è una delle convinzioni più diffuse tra la gente. Bisognerebbe capire che fare la modella è esattamente come fare l’attrice. Devi recitare la parte richiesta. Anche se questa non rispecchia la propria personalità (sempre dentro ai limiti della decenza ovviamente). Quindi se una modella posa in lingerie, o fa un calendario, non significa che sia una poco di buono. Significa solamente che sta posando come richiesto dall’editoriale, catalogo ecc.
La stessa cosa vale anche per le modelle che posa da “brave ragazze” e magari non lo sono nella realtà. Ricordiamoci di non soffermarci all’apparenza e a non giudicare.
L’avvento dei social ha trasformato un po’ questo lavoro, lo hanno aiutato? Trovi differenze nel modo di usufruirne tra qui e gli usa?
L’avvento dei social sicuramente ha dato molta visibilità a noi modelle, e anche la possibilità di ricevere un maggior numero di proposte lavorative a cui però bisogna fare molta attenzione. Inoltre, fino a qualche anno fa, i prodotti venivano pubblicizzati soltanto su magazine, editoriali e cataloghi online e cartacei, o in tv. Ora invece vengono pubblicizzati anche nei social media: sia in quelli del brand, sia in quelli privati delle modelle (o influencers). Una volta, per fare questo lavoro era indispensabile affidarsi ad una buona agenzia o ad un agente. Ora basta aver un buon numero di followers.
Dalla mia esperienza personale, ho notato che negli Stati Uniti, ai social networks, viene dato un peso maggiore rispetto che in Italia. Nel 90% dei casting, infatti, oltre alle misure e dati personali, viene richiesto anche il numero di followers. E, in caso di indecisione, il cliente sceglie la modella con più followers.
So che ricevi davvero migliaia di messaggi privati.  I più strani?  
Per fortuna non ricevo tanti messaggi “strani”. La maggior parte dei messaggi che ricevo sono di ammirazione, complimenti e di richiesta di consigli (su dieta, su come mantengo il mio fisico, ecc). Alcuni messaggi strani che mi sono rimasti impressi sono quelli di persone che mi chiedevano se potevi vendere loro i miei calzini usati, supplicandomi che puzzassero. Ovviamente non ho accontentato queste richieste. In altri messaggi invece si offrivano di essere i miei “schiavi”, implorandomi di venire insultati e maltrattati. Anche queste richieste chiaramente non sono state esaudite.
Una persona vivente con cui vorresti andare a cena
Senza dubbio con Brigitte Bardot. Una donna che stimo molto per la sua assoluta voglia di libertà. È sempre stata anche una delle più influenti attiviste dei diritti degli animali, istituendo la Fondazione Brigitte Bardot per il benessere e la protezione degli animali che ha finanziato con il ricavato della vendita all’asta dei suoi gioielli e oggetti personali. Per non parlare poi della sua fama di icona fashion: ha reso popolare la scollatura “Bardot”, il bikini, gli abiti di percalle, la pettinatura a “nido d’ape” ecc.
Una domanda importante, cosa vuoi fare da grande
Purtroppo sono già grande. E sono molto fiera e orgogliosa di aver esaudito il mio sogno da bambina di diventare una modella e di essere stata rappresentata dalle agenzie di moda più importanti al mondo. Ora che sono grande ho altri progetti. Sto lavorando sodo per aprire la mia attività, ma per il momento non vi anticipo altro. Quindi, tornando alla domanda, sarò il capo di me stessa.
Per ultima una domanda che amo fare a tutti per un solo giorno puoi avere un super potere quale vorresti avere e perché
Mi piacerebbe poter leggere nel pensiero delle persone, di poter entrare nella loro mente. Al giorno d’oggi ci sono troppe persone false e per me è diventato quasi impossibile riuscire a fidarmi di qualcuno. In questo modo sarebbe tutto più semplice!  

Susanna is a model and her countless, truly countless FANS know it well. For me it is something more. for me she is a model and a special friend. Intelligent and kind beautiful women are rare and she is one of them. Susanna and I have the habit of meeting in many different places and we do the inevitable “selfies”. You will surely have seen us in MILAN, how not to meet in the fashion capital? But also on the spectacular beaches of KEY WEST, as well as in our favorite MIAMI coffe shop. or in MONTECARLO. But this interview ……… we play at home !!!!!!!!! We choose to go for an aperitif on the skyscraper in TURIN and before sitting down we enjoy the sunset over the mountains and the city that lights up from the 35th FLOOR.

They make us sit down and as always we struggle to go unnoticed. Someone from the sofa in front sketches a shy greeting, someone dares to come and tell us that something has fallen, someone smiles at her, in short, I am a “full body guard”. Then our juices arrive and we can start our chat.

1-hello Susanna, the First question arises spontaneously, all the models are beautiful, but you have something more. How do you manage to be always admired and courted?Hi Fulvia, hello Supershine readers!

Probably that extra thing is simply the fact of being myself, of not having mounted my head and not pretending to be what I am not. Being admired and courted obviously pleases, even if sometimes, when the “courtship” and appreciation are excessive, it can be stressful. Not surprisingly, it often happens that I “get ugly” to avoid certain letches. 

2- when did you start thinking about modeling as a profession?
I have been working as a model since the time of High School and University, without however considering it a real job. I started taking it a little more seriously from the moment I moved to Milan immediately after university. Since I signed the contract with The fashion agency Elite Model Management Miami, it has become my job.
3- how much time do you spend for your self beauty care?
I don’t spend much time looking after my body. I always promise myself to do it, but then I never do it. A little out of laziness and a little because luckily my body is maintained well enough even without special care. Rather, I spend more time looking after my face since I discovered Miamo age reverse line. It takes 2-3 minutes in the morning and evening, and one face mask per week, to have a radiant and flawless skin (I specify that I have not been paid to say this, I am only super satisfied with the miraculous results).
4- a famous advertisement says “take away everything from me except …” how would you complete this sentence?
“… my ring.” No doubt! It’s the most important thing that I own. I NEVER take it off. It is a gift from my father who passed away. Then, I would say “my passport”. Traveling is what makes me feel better. It makes me feel free, enriches me, gives me many answers.
5- I know you don’t like routine in your life, but at some point in your career, you packed a suitcase and even flew to the other side of the world.
The word routine is not part of my vocabulary. I need to move, to make new experiences and to discover new places. I would never be able to have a job that forces me to do the same thing every day in the same place. It would turn me off inside. I always need new urges and the thrilling emotion of not knowing where in the world I will be in a month, two weeks or even tomorrow!
6- Miami is a synonym of luxury and fantastic places, is that true?
It is true and not true at the same time. Let’s not forget that, as in all the big cities, even in miami there are poor and less “chic” areas. But undoubtedly in Miami you can find some of the best and most luxurious places in the world. You must also be careful not to get overwhelmed by the unbridled lifestyle that distinguishes this city. Private parties in the villas, yachts, private jets, supercars, VIPs, billionaires, dream beaches and sea, and more and more. I can say that miami remains one of my favorite cities and one of the few in which I would live, if “lived responsibly”. Also because, after a while, all this excess and wildness would also become routine and therefore “boring”. Besides, I’m not a lover of nightclubs and crazy parties, but miami also offers relaxation, excellent restaurants and activities and outdoor walks.
7- you shot with very big photographers, someone you particularly loved?
Yes, it’s true. My 3 favorites are: Sylvio Testa, with whom I shot around the world: France, Miami, Bali, Greece. Alberto Buzzanca, whom I’ve known for ten years and David Benoliel, a photographer that I have always admired and with whom I shot for an American magazine. They have very different styles and each has its own unmistakable style. I feel very lucky to have had the honor of shooting with some of the photographers I consider most talented in the world.
8- a photographer with whom you would like to shoot
It is hard to mention just one name. Each has its own particularity, I really don’t know which one to choose. Probably Patrick Demarchelier. But I also admire Steven Chee, Gilles Bensimon, Gavin O’Neill, Megan Claire, Alex Mavrin, Zoey Grossman and Thomas Louvagny very much.
9- let’s dispel the voices that say all the models who pose in lingerie and make calendars are all bad girls
Unfortunately, this is one of the most common beliefs among people. People should understand that modeling is exactly like being an actress. You have to play the part requested. Although this does not reflect one’s personality (always within the limits of decency obviously). So if a model poses in lingerie, or makes a calendar, it does not mean that she is not a good girl. It only means that she is posing as requested by the editorial, catalog etc.
The same thing also applies to the models that pose as “good girls” and maybe in real life they are not. Let’s remember not to dwell on appearance and not to judge.
10 -social medias have transformed this job a bit, have they helped it? Do you find differences in how they are used between Italy and USA?
The advent of social medias have certainly given much visibility to us models, and also the possibility of receiving a greater number of job offers to which, however, we must pay close attention. Furthermore, until a few years ago, the products were advertised only in online and printed magazines, editorials and catalogs, or on TV. Now they are also advertised in social media: both in the brand’d account and in the models’ private account )or influencers’). In the past, to do this job it was essential to rely on a good agency or an agent. Now just having a good number of followers.
From my personal experience, I have noticed that in the United States, social networks are given greater weight than in Italy. In 90% of the castings, in fact, in addition to the measurements and personal info, the number of followers is also requested. And, in a pot of indecision, the customer chooses the model with most followers.
11- I know you really get thousands of private messages. The weirdest?
Luckily I don’t get many “weird” messages. Most of the messages I receive are of admiration, compliments and requests for advice (on diet, on how I take care of my body, etc.). Some weird messages that have impressed me are those of people asking me if you could sell my used socks to them, begging me that they stank. Obviously I have not satisfied these requests. In other messages, however, they offered to be my “slaves”, begging me to be insulted and mistreated. Even these requests were clearly not satisfied.
12- a living person you would like to have dinner with
Without a doubt with Brigitte Bardot. A woman whom I respect a lot for her absolute desire for freedom. She has always been one of the most influential animal rights activists, establishing the Brigitte Bardot Foundation for the welfare and protection of animals which she financed with the proceeds from the auction sale of her jewelry and personal items. Not to mention his fame as a fashion icon: she popularized the “Bardot” neckline, the bikini, the percale dresses, the “honeycomb” hairstyle, etc.
13- an important question, what do you want to do when you grow up?
Unfortunately, I’ve already grown up. And I’m very proud to have fulfilled my childhood dream of becoming a model and to have been represented by the most important fashion agencies in the world. Now that I’m older I have other plans. I am working hard to open my own business, but for the moment I am not anticipating anything else. So, going back to the question, I’ll be the boss of myself.
14- a question that I love to ask everyone: for just one day you can have a super power, which one would you like to have and why?
I would like to be able to read in people’s thoughts, to be able to enter in their mind. Nowadays there are too many fake people and it has become almost impossible for me to trust someone. This would make it easier!
Photos by   Sylvio Testa  – Umberto Cairoli  – Marco Giro – Joakim Karlsson.  – Vladimir Cojarschi – Telaviver  –  Luca Gned  –  Alexey Trifonov  –  Mike Prado –  Sover Atlan  – Vincent Pierce  – Marcus Ezell  – Kenny Rolan

Neraida Bellezza Talento e Carattere

Le interviste di Fulvia

Neraida When Dreams come True

Conosco Neraida da un bel po’, la prima volta che l’ho vista era un giorno di settembre a Milano ad un casting.Lei è arrivata puntualissima , cosa che io guardo sempre. L’ho notata tra tante modelle, i suoi occhi mi guardavano diritto ed ho intuito da subito un forte carattere. Di una bellezza particolare, che non somiglia a nessun’altra, le chiedo qualcosa di lei e subito mi confida di amare le arti marziali. Certo non mi ero sbagliata, guardavo una ragazza bella forte e capace di determinazione. Subito messa nel mio personale elenco delle modelle preferite. Avrei voluto vederla per questa intervista, ma Neraida è a Los Angeles e dobbiamo affidarci alla tecnologìa e fare l’intervista tramite Skype.

Neraida ciao, come sai ti ho sempre considerata una modella speciale , perchè al di là della bellezza hai quel qualcosa in più che hanno spesso le persone intelligenti che viaggiano molto. La prima domanda però è sempre d’obbligo: Come hai iniziato ? A che età e dov’eri?

Io ho studiato pianoforte, musica ed arte da quando ero piccola! Sono cresciuta guardando la mia famiglia suonare, cantare e recitare.Una famiglia piena di artisti !
All’età di 12 anni mi sono trasferita in Italia con tutta la famiglia. Una delle ragioni del trasferimento era per dare la possibilità a me e mia sorella di poter studiare violino / pianoforte / canto e teatro al Conservatorio Licinio Refice di Frosinone. Ho dei ricordi meravigliosi di quei tempi. Per quasi tutto il tempo che ho vissuto in italia, ho studiato e lavorato allo stesso tempo. Mi sarebbe impossibile dire tutto , la lista è lunghissima.

Quando sei arrivata in Italia e quale esperienze hai fatto qua?

Come menzionato prima all’età di 12 anni. A parte il lavoro come modella che ho fatto per un po’ di  tempo, ricordo la mia partecipazione a Miss Muretto, che è stata un esperienza molto carina per me.
L’esperienza più importante però rimane sempre la mia formazione al conservatorio che oggi mi sta servendo molto.

Adesso vivi a Los Angeles come sei arrivata lì ? E’ stata una decisione ragionata o sei arrivata per caso?

Per prima cosa ho visitato LA per 10 giorni, ho fatto dei meeting che avevo organizzato da  tempo, ho parlato con avvocato ed iniziato il processo per fare il mio visto. Sette mesi dopo mi sono trasferita a Los Angeles con il mio visto di lavoro “ Entertainment Visa”
Il mio era un piano organizzato bene. Poche sono le cose che faccio per caso!!

Io penso sempre che l’America sia un altro mondo per chi ha dei sogni da realizzare , tu come la pensi ?

In America o in ogni altro posto per realizzare ogni sogno bisogna avere fiducia, imparare dai propri errori, non lamentarsi, non dare la colpa agli altri per i propri fallimenti, essere coerenti, essere sempre d’aiuto, avere un obiettivo preciso (cosa si vuole e quando si intende realizzarlo) e soprattutto lavorare tutti i giorni per raggiungerlo.
Sì, l’America è un posto meraviglioso.

Raccontaci della tua avventura Americana cosa ami di più

L’avventura è non stop!!!!!!

Io amo mio marito, che è il mio partner in vita e lavoro e poi amo il mio lavoro! Tanto!!!!
La recitazione mi ha trasformata come persona e la vita!

Parlaci della nuova strepitosa pubblicità fatta per la PLAY STATION

È un trailer cinematografico basato su un Video-Game chiamato Borderlands lanciato da PlayStation/Sony. Io recito la parte della Sirena Maya. Total Badass!!!!
È un progetto mondiale epresto  ci saranno altre novità.

Ti manca qualcosa dell’Italia ?

ESPRESSO!!!!! ESPRESSOOOOOOOOOOOO!!!!! …. Oh quasi dimenticavo! Anche la mia famiglia e gli amici! ( ride )

Cosa pensi che cambiare radicalmente la propria vita aggiunga ad una persona?

Ti cambia. Ti fa capire che alcune paure esistono solo nella nostra mente!!!!

Cosa ti sentiresti di consigliare ad una ragazza che vuole intraprendere la carriera di modella o attrice?

La sezione modelle la passo a te che sei la migliore Fulvia.

Per le attrici : saper comunicare molto bene con le persone. Capire/ Imparare lato artistico e commerciale del mondo della recitazione ! Andare a scuola/scuole di recitazione, studiare e migliorare costantemente , fare teatro ( cosa che io amo e che da una base fortissima) ed avere tanta pazienza e sempre fiducia !

Ritieni che i social aiutino nel lavoro e nella vita in generale o in qualche modo allontanino dalla realtà ?

Possono aiutare tantissimo o purtroppo anche danneggiare una persona.
Dipende sempre come vengono usati. I social hanno dato voce a molte persone, talenti ed hanno creato tantissime opportunità lavorative.

Quali sono le differenze fondamentali nella mentalità nei vari posti dove hai vissuto ?

Uhhhhh questa è un intervista a parte!! La prima cosa che mi viene in mente è
“ Quanto le persone si lamentano su tutto ”

Una persona vivente che vorresti conoscere e perchè

1-Oprah!!!!! Google it ahhaha!!!

Per un giorno hai un SUPERPOTERE quale vorresti e come lo useresti

Guarire ogni cosa!!!

Un saluto speciale per i nostri lettori

Grazie mille dell’intervista Fulvia. Bacione a tutti!!
Be Relentless!!!!

Inseriamo qua due link della nuova pubblicità della PLAY -STATION

Io vi saluto e vi do appuntamento alla prossima intervista

Live-Action ‘Borderlands 2 VR’ Video Features Super-Atomic-Phaselock Wedgie

New Cinematic Trailer for Borderlands 2 VR Showcases Maya Character

 

I’ve known Neraida for quite a while, the first time I saw her it was a September day in Milan at a model casting. She arrived very punctual, thing that I always check. I noticed her among many models, her eyes were looking at me straight and I immediately sensed a strong character. Of a particular beauty, that does not resemble any other, I ask her something about herself and immediately she confides to me to love the martial arts. Of course I was not wrong, I looked at a beautiful girl strong and capable of determination. Immediately put in my personal list of favorite models. I wanted to see her for this interview, but Neraida is in Los Angeles and we have to rely on the technology and do the interview via Skype.

Neraida hello, as you know I’ve always considered you a special model, because beyond beauty you have that something more that often have the smart people who travel a lot. The first question, however, is always a must: How did you start? At what age and where were you?

I have studied piano, music and art since I was a child! I grew up watching my family play, sing and act. A family full of artists!
At the age of 12 I moved to Italy with the whole family. One of the reasons for the transfer was to allow me and my sister to study violin / piano / song and theater at the Licinio Refice Conservatory in Frosinone. I have wonderful memories of those times. For almost all the time I lived in Italy, I studied and worked at the same time. It would be impossible to say everything, the list is very long.

When did you arrive in Italy and what experiences did you do here?

As mentioned before at the age of 12. Apart from the work as a model I’ve been doing for a while, I remember my participation in Miss Muretto, which was a very nice experience for me.
The most important experience, however, is still my training at the conservatory that today is serving me a lot.

Now you live in Los Angeles, how did you get there? Was it a reasoned decision or did you arrive by chance?

First I visited LA for 10 days, I had meetings that I had organized for some time, I spoke to a lawyer and started the process to do my visa. Seven months later I moved to Los Angeles with my “Visa Visa” work visa
Mine was a well organized plan. Few are the things I do by chance !!

I always think that America is another world for those who have dreams to realize, how do you think?

In America or in any other place to make every dream come true, trust, learn from your mistakes, do not complain, do not blame others for failures, be consistent, always help, have a specific goal (what do you do? wants and when you want to make it happen) and above all to work every day to reach it. Yes, America is a wonderful place.

Tell us about your American adventure what you love most
The adventure is non-stop !!!!!! I love my husband, who is my partner in life and work and then I love my job! Much!!!! The acting transformed me as a person and life!

Tell us about the new amazing advertising made for the PLAY STATION

It is a movie trailer based on a video game called Borderlands launched by PlayStation / Sony. I play the part of the Mayan Mermaid. Total Badass !!!!
It is a global project and there will be more news.

Are you missing something from Italy?

EXPRESSED!!!!! ESPRESSOOOOOOOOOOOO !!!!! …. Oh I almost forgot! Even my family and friends! (laughs)

What do you think that radically change your life add to a person?

It changes you. It makes you understand that some fears exist only in our mind !!!!

What would you suggest to a girl who wants to pursue a model or actress career?

The model section is the step that you are the best Fulvia.
For actresses: knowing how to communicate very well with people. Understanding / Learning artistic and commercial side of the world of acting! Go to school / acting schools, study and constantly improve, make theater (which I love and that from a very strong base) and have a lot of patience and always trust!

Do you think that social help in work and in life in general or in some way move away from reality?

They can help a lot or unfortunately also harm a person.
It always depends on how they are used. Social networks have given voice to many people, talents and have created many job opportunities.

What are the fundamental differences in mentality in the various places where you lived?

Uhhhhh this is a separate interview !! The first thing that comes to mind is
“How much people complain about everything”

A living person that you would like to know and why

1-Oprah !!!!! Google it ahhaha !!!

Thanks for interview Fulvia and a big kiss for Supershine Followers

Thnaks to Marco for traslation

 

Intervista a Giò Barone

Le interviste di Fulvia

Giò Barone un Face Beauty Maker a 360°

E’ ancora la Fashion Week galeotta per l’incontro tanto atteso con Gio’ Barone, ancora questa pazza colorata e incredibile settimana a fare da sfondo alla nostra intervista. Tutti lo salutano , mi sembra di stare vicino ad un divo di Hollywood. Nemmeno ci pensiamo a trovare un posto tranquillo, la giornata è splendida, anche se dirlo oggi mentre scrivo con la pioggia incessante che viene giù da giorni , mi sembra quasi strano. Ma così era, e noi facciamo un giro in piazza del Duomo e ci fermiamo a bere nell’ormai famosissimo caffè CRACCO. Giò è solare pieno di energia, ma sotto sotto intuisco forza e determinazione.

Vorrei partire col chiederti che studi hai fatto , così per meglio dare un quadro della tua professionalità

Ho effettuato studi tecnico chimico-biologico fino ad arrivare il percorso universitario di scienze biologiche. Dal punto tecnico professionale ho studiato e mi aggiorno dal 1992 quando approdai al corso di “trucco cinematografico” indirizzo effetti speciali a cinecitta’ a roma, fondendo la passione con il mondo scientifico. L’unione tra le due realta’ mi hanno trasmesso competenze tecnico applicative ed analitiche.

Tu sei un FACE BEAUTY MAKER figura professionale altamente qualificata che avvolge a 360° quello che è il campo della bellezza . Ma vorrei che fossi tu a spiegarlo ai nostri lettori

Mi occupo della bellezza a 360° , partendo dalla materia prima, creando formule per il make up, per poi vestire la pelle. La chimica e’ fondamentale per un serio professionista: senza la chimica non abbiamo risposte.

Come hai iniziato e quanto i tuoi studi hanno influito sul tuo percorso

Come gia’ spiegato, ho iniziato a cinecitta’, attratto dal gusto “pulp” , incontro Gil Cagne’. Talento multi-etnico e artista eccelso che legge in me una emozione….. declinandola in professionalita’.

So che un’importantissimo personaggio ti è stato d’ispirazione….

Appunto lui: Gil Cagne’, e’ stato il mio mentore ma io…. ho sempre strizzato gli occhi oltre oceano, e tra tanti “guru” Michele Spatola , George Westmoore, solo per citarne alcuni.

Sei consulente d’immagine di tantissime dive e attrici, Elena Sofia Ricci, Cristina Chiabotto, Nancy Brilli, Manuela Gentillin, Alba Parietti, Mara Maionchi, Maria Rita Parsi, Manuela Arcuri, Carmen Consoli, Giusy Ferreri, Marco Mengoni, Paola Folli, Rossana Casale, Luca Tommassini, Linda Evangelista, Giorgia, Franco Battiato, Elisa Isoardi, Sabrina Donadio, Raffaella Curiel, Francesca Chillemi, Federica Panicucci, e tante altre. Cosa ritieni di dare di più di un seppur bravo make up artist ?

Una seria competenza scientifica e aristica, una ricerca e costante studio applicato nel “sistema della bellezza”

Ti fregi di aver iniziato dal basso e di avere fatto tanta gavetta. Quanto è importante secondo te?

In realta’ , la gavetta non finisce mai, resti sempre un artigiano della bellezza che ricerca la professione e il dettaglio. Affermarsi non e’ fermarsi!!!!

Come si arriva a traguardi come i tuoi ?

Con limpida vocazione e faticosa devozione, sacrificio, studio, viaggi, poche relazioni stabili, confronto e aggiornamento continuo

Hai alle spalle anni di una carriera ricca di successi , hai lavorato per miss italia e miss italia nel mondo, sei stato capo truccatore x factor sky uno hd come sei arrivato a fare lavori così importanti ?

Ho avuto la fortuna di conoscere il grande maestro Gil e la costanza per accedere alle occasioni professionali.

Una persona vivente che vorresti conoscere o con cui vorresti lavorare e perchè

Tra le tante dive viventi mi piacerebbe valorizzare la grande Claudia Gerini per tradurre il suo sguardo sexy declinandolo in armo-morfo-cromia.

Il tuo presente

Ho la meritata fortuna di rivestire un ruolo e rappresentare l’azienda multinazionale alfaparf group che rappresenta i brand dibi milano, becos, ten, olos, solarium , academia e decoderm make up care in qualita’ di direttore artistico esecutivo del make up: cambi di prospesttive e repentini…….

Un sogno che vorresti realizzare

Il mio progetto per il brand che curo ha realta’ internazionali che l’azienda mi sta sta offrendo. La fiducia riposta mi spinge a portare in alto il vessillo del made in italy nei mercati esteri

Dai un consiglio che ritieni importante a chi desideri intraprendere seriamente questa carriera

Valigia pronta, pronta alla scoperta di nuove realta’ …. Apertura multiculturale , sacrficio , una scatola di kleenex da portare in hotel e tanto continuo studio di cultura generale: make up e’ scienza , geometria, filosofia, cinema, arte, teatro e tanto ma tanto altro. Auguri!!!! Buon successo!!!!

Lascio Giò a malincuore , è stata una giornata molto interessante e divertente, saluto tutti i nostri lettori e vi do appuntamento alla prossima intervista

Fulvia

Un uomo che ama la fotografia

 Intervista ad Alex Comaschi

Le interviste di Fulvia

Avrei voluto fare un titolo diverso, più lungo, perchè così poche parole non possono esprimere quello che penso di Alex Comaschi. Lo conosco da parecchi anni, sui social ci dichiariamo fratelli, non di sangue, ma proprio fratelli, di quelli che si scelgono per stima e per affetto. Lo incontro a Roma , la mia seconda casa. Andiamo a sederci da “Canova Tadolini” nel cuore di Roma , dove basta girare lo sguardo e tutto ti incanta. La giornata è piena di luce, le ottobrate Romane ! E noi come sempre parliamo di modelle , di fotografia, di arte e condividiamo i nostri progetti. Lui si definisce con una frase che dice tante cose:

                   Non sono un fotografo ma fotografo tanto. Così sono diventato un fotografo dilettante professionista

Alex ciao, iniziamo con una domanda che è quasi d’obbligo. Tu sei un fotografo, ma questa non è la tua professione, ti dichiari fotoamatore, come hai iniziato ? Cosa ha fatto scattare questa passione ?

Ciao Fulvia, grazie per questa intervista! Mi sento già più importante! In effetti da turista cercavo sempre inquadrature meno banali, qualcosa di diverso, per cui l’occhio si allenava senza volerlo, poi per via del fatto cha avevo un appartamento libero, ho pensato di comprare un set da studio. All’inizio elemosinavo modelle a destra e sinistra, poi grazie ai social si è scatenato il mondo.

Dove hai imparato la tecnica fotografica?

In realtà ho osservato tanto… tantissimo le foto degli altri, ho cercato di carpire i segreti delle giuste inquadrature e soprattutto dei tempi. Tempi intesi di movimento emozionale delle modelle. Non sono un tecnico, a malapena conosco i fondamenti dello strumento fotografico e soprattutto ho imparato a fotografare con gli occhi cercando di scattare al momento giusto.

Mi hai lasciato il difficilissimo compito di scegliere tra le tue innumerevoli fotografie quelle per questa intervista. Beauty, Fashion, Glamour, Art, Fantasy, c’è un genere che prediligi fare ?

Io credo di non avere uno stile prediletto, a seconda della personalità della modella cerco di andare incontro al suo carattere e ai desidéri. Non scatto “una” ragazza ma “quella” ragazza e quindi mi prendo il suo meglio. Cerco magari di aggiungere, quando mi sento ispirato, quel qualcosa in più per rendere l’opera d’arte che è la donna, ancora più opera d’arte.

Hai fotografato ormai moltissime modelle in altrettante situazioni diverse, come trovi l’ispirazione per un nuovo set ?

Eh, la fantasia…. Non lo so nemmeno io… mi dico : stavolta proprio non ho idee ma vedo che alla fine qualcosa esce sempre, a volte mi ispira un nulla e da lì parte l’idea. Bisogna osare, sperimentare, concentrandosi sempre e comunque provarci, tanto a cancellare, cestinare,distruggere, si fa sempre in tempo.

Come concili questa impegnativa passione con il tuo lavoro?

Apro e chiudo continuamente finestre di vita quotidiana, saltello, balzo, corro, mi organizzo, faccio due tre cose in una, ho lo studio a nove km dalla zona dove abito e lavoro, la tangenziale ormai l’ho asfaltata io. Vado continuamente avanti e indietro anche per sistemare e tenere in ordine lo studio, renderlo accogliente per il prossimo servizio fotografico, anche fare la cameriera è una delle qualità di un diligente fotoamatore… Ovvio non posso scattare tutti i giorni perché bisogna dare il giusto valore anche al tempo che mi dedicano le ragazze ripagandole con lo stesso impegno anche nella difficile scelta degli scatti più interessanti e di un uguale impegno semiprofessionale in postproduzione. Per fare questo occorre anche molto tempo libero nella tranquillità della casa.

Sei conosciutissimo sui social e so che ricevi innumerevoli richieste da ragazze che desiderano essere fotografate da te. Come ti organizzi ?

Come dicevo scatto a scadenza, generalmente un paio di pomeriggi alla settimana, scelgo tra le tante che per mia fortuna mi cercano per regalarmi la propria bellezza. Il ritmo è frenetico ma per ora ho sempre cercato di tenerlo, consegnando loro almeno 15 scatti a testa.

Quanto secondo te è importante per la riuscita di un bel servizio un trucco accurato e magari abiti fantastici ?

Tutto è importante ma allo stesso tempo anche no. La fotografia per me è emozione, divertimento, passatempo, euforia. E poi dipende dal progetto, ovviamente per un servizio dedicato soprattutto al volto una brava truccatrice è d’obbligo, per il fashion un bellissimo abito aiuta ma è la ricerca dell’originalità l’obiettivo che va inseguito.

Come invece scegli le idee per i servizi glamour ?

Il glamour è un genere davvero difficile… a volte mi chiedo cosa sia veramente e se ne ho realizzato mai uno come si deve. In questo caso è la modella che fa la parte del leone. Sei glamour quando oltre alle doti fisiche eccezionali hai anche una carica di sensualità molto accentuata. Nel glamour ci vuole malizia e passione che devono assolutamente essere predominanti in una donna. Il fotografo deve abbellire, rendere l’ambiente al livello della personalità della modella. Si devono incontrare vari fattori. Le idee spesso partono dalla location, in studio è molto più asettico e difficile ma , se ti concentri bene su come orientare le luci hai fatto già un buon passo avanti nella riuscita dell’operazione.

Hai delle fotografie artistiche che sembrano quadri ad olio. Cosa ti ispira?

Beh anche osservare le opere d’arte dei pittori antichi è un’esercizio illuminante. Quella si che è arte, pensa che meraviglia poter dipingere quelle luci, quei corpi, quelle atmosfere. Che cosa grandiosa la pittura! Io, fotografo poco più che amatoriale, cosa darei per saperlo fare. In fondo la fotografia facilita tantissimo il compito… basta drappeggiare le stoffe, illuminare bene, cercare una posa ricca d’armonia e scattare concentrandosi sempre al massimo.E il gioco è fatto!

Un personaggio vivente che vorresti conoscere e perché .

A pensarci mi vengono in mente solo i miei idoli del passato. Tra i viventi ho fatto fatica a scegliere una persona. Sono stato un piccolo atleta da ragazzo e princìpi dello sport li ho applicati alla mia vita. Forse una persona alla quale vorrei stringere fieramente la mano è Tania Cagnotto. Un esempio di sportività assoluta. Ha saputo sinceramente gioire per una medaglia d’argento conquistata in una manifestazione importantissima, non ricordo se fosse stato un Europeo o un Mondiale. Ma aveva condotto la gara fino all’ultimo tuffo dove fu battuta solo per qualche centesimo di punto. Una delusione cocente che avrebbe annientato chiunque, ma lei accettò col sorriso quel risultato traendone immediatamente la forza per gioire del secondo posto e per raccogliere le forze e la concentrazione per la prossima gara. Ecco per me è stato commovente e tutte le nostre vite dovrebbero sempre essere improntate a dare valore a tutto ciò che abbiamo senza lamentarci mai per quelle cose che immancabilmente ci mancano.

Una modella che vorresti fotografare.

Questo ce lo siamo detti più volte al telefono e tu la conosci… fare il suo nome qui è troppo facile. Facciamo finta che io abbia risposto.

Un lavoro che ti ha divertito in particolar modo.

Per fortuna sono stati tantissimi i lavori, più che divertenti entusiasmanti! Giornate memorabili dove il vero nemico era l’orologio! Giornate intere passate con donne stupende, simpatiche, spiritose, allegre, che hanno colorato d’oro tutto il tempo passato insieme alla ricerca del pesce grosso, lo scatto dell’anno, e anche se non si è poi trovato è come se invece ci fossimo riusciti. Il risultato migliore è sempre il momento irripetibile!

Ti hanno dedicato molte copertine , cosa che ritengo gratificante, ma lo chiedo a te , cosa di questo “lavoro” ti gratifica maggiormente ?

Sicuramente vedere una propria foto sulla copertina di una rivista è molto gratificante! Significa che molti, moltissimi, hanno apprezzato lo sforzo e ritengono che quell’immagine possa emozionare chi comprerà la rivista. Ma il momento forse più bello è quando torni a casa a controllare la cartella degli scatti appena effettuati e ti senti orgoglioso perché vedi che c’è qualcosa di buono che non pensavi di riuscire a realizzare fin’ora.

Hai al tuo attivo diversi WS . Cosa ami trasmettere?

Semplicemente quello che so fare io. Non mi ritengo all’altezza d’insegnare nulla di difficile. Quello è il compito dei professionisti che hanno ben d’onde a scervellarsi e organizzare corsi d’insegnamento. Spiego tranquillamente le cose che faccio: come motivare e tenere viva l’attenzione e l’entusiasmo della modella. Il rispetto e la cura dell’ospitalità che in quel momento deve predominare. Lei è la nostra creta, la nostra tavolozza, deve assolutamente essere viva, serena, ed entusiasta di fare parte del progetto. Per il resto gli incroci di luce, la luce è tutto. Come il vento per un velista. Altrimenti si vaga banalmente tra le onde.

Una Top Model Mondiale che ti piace particolarmente.

Come si fa a sceglierne una sola? Vabbè ci provo: Irina Shayk può andare?

Se potessi avere un superpotere quale vorresti e come lo useresti.

Ahahahah! Fantastica questa domanda… proprio perché è davvero impossibile averlo ne scelgo uno leggero leggero, da pochi punti, magari un giorno me lo daranno: vorrei leggere i pensierini della mia cagnolina, così capisco meglio quello che mi vuole dire quando non scodinzola e che spesso non capisco, per proteggerla meglio da quest’umanità di cui troppo spesso mi vergogno di fare parte.

Un saluto speciale per i nostri lettori ai quali lasceremo in chiusura di questa intervista il link al tuo sito web , così che possano ammirare altre delle tue bellissime fotografie

Siii! Grazie a tutti i lettori! Vi ringrazio vivamente di essere arrivati fin qui! E grazie a SuperShine, interessantissimo progetto balenato dalla mente di una persona intelligente e squisita quale sei!

 

  http://www.alexcomaschi.com

 

Camaleontica Olga

Le interviste di Fulvia

Io la chiamo così !!!!

CAMALEONTICA OLGA !

La incontro a Milano nella settimana della Fashion Week, un incontro che abbiamo voluto a dispetto dei mille impegni e delle giornate caotiche di questi giorni, per realizzare questa intervista che programmiamo già da un po’.  Trovare un posto tranquillo sarebbe Mission Impossible, per cui ci arrendiamo alla pazza baraonda di questa città. Passeggiamo in cerca di un tavolino dove fermarci a bere un caffè e mi accorgo di avere sempre la stessa sensazione quando vedo Olga fuori da un set. Una ragazzina ! Quasi sempre senza trucco, un viso incredibile, e lei così : semplice ed un po’ riservata . Poi ti capita di vederla su un set e non la riconosci più. E non è il trucco o la moltidudine di personaggi che è capace di interpretare, è che lei semplicemente BUCA LO SCHERMO ! Che sia un beauty, una campagna Fashion, un bikini…se lei è sul set calamita tutti. Gabriel Garco con il quale ha lavorato ha detto di lei che è di una bellezza imbarazzante. I fotografi la adorano, i clienti impazziscono per lei. la puoi vedere bionda mora viola o verde, semplice o sofisticata. Lei è Uno Nessuno Centomila (frase presa in prestito dal romanzo del grande L. Pirandello)

Ma è ora di lasciarle la parola.

La prima domanda è quasi d’obbligo con una modella che raggiunge traguardi come i tuoi. A che età hai iniziato e dov’eri ?

Ho iniziato a 16 anni a Mosca in Russia facendo la fotomodella.  Quindi è lì che ho fatto le prime foto . Poi però ad un certo punto mi sono trovata a scegliere tra il lavoro e gli studi, ed ho preferito  studiare. Ma appena  arrivata in Italia sono stata scoperta da un’ agenzia di modelle di Bologna, per caso, in un negozio, e così ho ricominciato a lavorare come fotomodella in Italia e all’estero.

Quando sei arrivata in Italia ?

Vivo in Italia da 9 anni

Cosa ami dell’Italia ?

Tutto! E’ il paese più bello del mondo per me, le persone sono solari, c’è il mare e la montagna. C’è un clima perfetto ben diverso dal clima di Mosca, ed è bellissima per  le sue architetture e la sua grande Storia

Hai fatto tantissimi lavori , molto spesso di Beauty e tutti i fotografi e le persone che hanno avuto l’onore di lavorare con te, dicono tutti la stessa cosa: che BUCHI L’OBBIETTIVO. Tu come ti vedi ?

Dipende ovviamente ci sono i lavori che mi piacciono di più e quelli che mi piacciono di meno, credo di essere fortunata di potermi cambiare in base al mood

Un lavoro fotografico che ti ricordi in modo particolare e per quale motivo

Per fortuna ne ho fatti tanti di lavori, e ho avuto le occasioni per vedere tanti posti bellissimi e particolari, non sarebbe giusto nominare un solo lavoro perché non sono in grado di scegliere, poi quello che rimane nella mia memoria non sono le aziende o i brand per i quali ho lavorato, ma le persone che mi circondavano in quel momento, i clienti, fotografi, make up artist, stylist ecc, le emozioni che mi hanno fatto provare e come mi hanno fatto sentire.

Cosa, questo lavoro toglie alla vita privata?

Tutto ! Scherzo come qualsiasi lavoro toglie il tempo e parecchio

Anche la televisione si è accorta di te ed hai lavorato in una fiction molto importante. Raccontaci qualcosa.

Si sono stata fortunata ad essere scelta come co-protagonista nella fiction L’onore e il rispetto – Ultimo capitolo con Gabriel Garko e Bo Derek prodotta da Ares Film , è stata un esperienza indimenticabile che mi ha permesso di scoprire il mondo degli attori, l’interpretazione e vivere la vita del personaggio.

I social, secondo te come hanno cambiato il modo di lavorare ?

Oggi giorno credo che siano il motore di ricerca più veloce ed efficace che esista, i clienti cercano spesso le modelle su Instagram, basando le loro scelte sulla quantità dei followers per promuovere successivamente il loro prodotto tramite una pubblicità privata, inizialmente i social, credo, siano stati creati per un uso privato delle persone, non per fare la pubblicità, col tempo si sono trasformati completamente lasciando veramente pochissimo spazio alle persone.

Cosa ti piace di più del lavoro che fai ?

Ciò che amo di più è conoscere persone nuove, posti nuovi.

Un lavoro che hai fatto super divertente .

Una pubblicità di make up dove mi hanno rovesciato addosso i colori

Se non lavorassi in Italia oggi e dovessi scegliere un paese in cui fare la modella dove andresti ?

Sempre qui , Italia forever !

Una persona vivente che vorresti conoscere e perchè .

Kristen Stewart perché sono affascinata dalle sue scelte cinematografiche

Se potessi avere un superpotere quale vorresti avere e come lo useresti .

Rendere le persone felici

Un saluto speciale per i nostri lettori

Vi ringrazio per il vostro tempo.

 

Francesca Superstar

Le interviste di Fulvia

L’occasione per incontrare Francesca si presenta a Milano dove sia lei che io siamo spesso per lavoro. Scegliamo di prendere un aperitivo nello splendido Chateaù Monfort Hotel ***** 5 stelle nel cuore della città vicino alle vie della moda. Questo Hotel pieno di atmosfere suggestive ci incanta e crea il giusto clima per la nostra intervista. Ogni tanto bisogna coccolarsi un po’ anche quando si lavora. Penso da mesi ormai di realizzare questa intervista con Francesca , ma il tempo è tiranno e questo lavoro che, visto da fuori sembra  quasi leggero, ha invece giornate caotiche piene di impegni spesso presi anche all’ultimo momento a straripare giornate già piene. Ma eccoci qua, finalmente. Con Francesca ci conosciamo da tanto, abbiamo fatto splendidi lavori insieme e ci sentiamo spesso. E’ tra quelle persone che amo sentire, con la quale mi prendo il privilegio di scambiare opinioni e chiacchiere.

Più di una modella, più di un’attrice, più di una Blogger, Francesca è più di tutto questo insieme, perchè è bella intelligente, piena di grinta e mette il cuore in tutto ciò che fa. Inizio col farle una domanda che rimanda ai suoi inizi . 

Francesca ciao, ho pensato a questa intervista con te, certa che moltissimi lettori siano curiosi di sapere qualcosa in più. Tu sei giovane ma hai già alle spalle innumerevoli esperienze di lavoro. Come hai iniziato ?

In realtà la mia “carriera” nasce nella mia testa quando ero davvero molto piccola. Ero solo all’asilo e andavo in giro a dire che “ero invidiosa” della bambina di un medico in famiglia perché lei stava lì e io no!!!  Ho sempre avuto le idee molto chiare su cosa volevo fare “da grande”. E il tutto è cominciato seriamente intorno ai 14 anni quando ho iniziato a fare parte di una compagnia teatrale. L’amore per il palcoscenico è stato immediato. E non è mai più svanito!

Chi ti segue ( e sono davvero tantissimi ) si rende conto delle tue capacità camaleontiche di interpretare cose diversissime tra loro. Hai sempre avuto questa caratteristica o l’hai sviluppata nel tempo?

Devo dire che ho avuto la grande fortuna di scoprire le mie doti (che combaciavano anche con le mie passioni) quando ero molto piccola. A 15 anni ero già dentro una scuola di musical e passavo lì dentro circa 6-7 ore al giorno a studiare (oltre che andare a scuola la mattina e lavorare la sera in una pizzeria per mantenermi gli studi). Quindi sicuramente l’essere camaleontica faceva già parte di me, ma è una dote che ho messo a punto studiando moltissime ore davanti allo specchio.

Ti reputo una ragazza molto intelligente, che parte credi abbia il carattere in questo lavoro?

Beh il carattere è tutto. Io fortunatamente sono sempre stata intraprendente e ho sempre avuto le idee molto chiare. Faccio questo lavoro da più della metà della mia vita, tu hai idea di QUANTE persone nella mia vita (soprattutto quando avevo 14- 15- 16 anni) mi dicevano che non ero nessuno, che non avevo agganci e che non avrei mai fatto carriera? Per quanto mi siano sempre stati vicini, anche la famiglia mi ha sempre detto che dovevo puntare su un “lavoro sicuro”. Inoltre non ti dico di quante “proposte strane” abbia ricevuto (e rifiutato) nel corso della mia carriera, soprattutto per fare parti in un film o in una fiction. Credere in me stessa in tutti questi anni non è stato facile. Sopratutto quando, a 20 anni che mi ero appena trasferita a Roma per inseguire i miei sogni, spesso non avevo nemmeno i soldi per mangiare. Se non fosse stata per la mia testardaggine a quest’ora sicuramente avrei già mollato.

 Le ragazze che vogliono intraprendere questa carriera , sognano la fama e sognano di viaggiare e conoscere persone nuove, quali reputi i lati positivi e quelli più impegnativi di questo lavoro?

Avere “la fama” è un lavoro che molte persone sottovalutano. Non dico assolutamente di essere una star super conosciuta (magari!) ma anche nel mio piccolo, mi sono accorta che bisogna sempre stare sul pezzo. Ci sono state cose da seguire e soprattutto tanto studio. Non parlo solo del lato recitazione o moda, ma di tutto. Ad esempio io sono un po’ di anni che ho iniziato a studiare anche marketing. Assolutamente necessario se si vuole essere “un personaggio”. Anche noi abbiamo del clienti, che possono essere il brand, il negozio, i followers, ecc.. e in un modo o nell’altro bisogna saperci fare, dando ai clienti sempre qualcosa di innovativo. Altrimenti a sostituire un’influencer, un’attrice o una modella, ci vuole un attimo…

Vale più la progettualità o la casualità nell’era del web ? 

Purtroppo in questa era valgono entrambe le cose. Anche se la casualità poi non può rimanere in piedi se dietro non c’è un progetto ben preciso. Un caso plateale rispetto alla tua domanda è Martina Dell’Ombra. Nata per caso e tirata su da un progetto enorme dietro . ( molte persone continuano a parlare male di lei senza sospettare che spesso dietro l’immagine di una persona che pare leggera c’è invece una persona intelligente e duro lavoro )

Cosa ti piace di più e cosa di meno di te

La mia empatia è sicuramente la cosa che mi piace di più. Mi aiuta ad entrare dentro a qualsiasi personaggio e a farlo mio velocemente, e sicuramente anche la dote estetica dell’essere camaleontica è un grande aiuto. Ciò che mi piace meno è senza ombra di dubbio la mia altezza. Ho sempre sognato quei 4-5 cm in più.

 Una persona che sogneresti di conoscere e perché:

Tim Burton. Non so cosa darei per essere un personaggio di un suo film.

Un progetto imminente:

Sto lavorando a 3 progetti contemporaneamente in questo momento. E sono felice di annunciarvi che: A fine anno tornerò a teatro dopo tantissimi anni con un giallo/comico. Saremo io e un’altra attrice, Martina Consoli, e spero che riusciremo a strapparvi qualche risata (e che sarete in tanti a venirci a vedere !!! ) Sto lavorando a dei video comici per il web, in linea generica su quello che combinano le donne. Dopo aver fatto un video test, ho cercato delle produzioni e posso dire di averne trovata una davvero valida. Adesso però non posso dirvi altro  che:  rimanete sintonizzati sui miei canali per vedere presto il primo video Il mio blog è sempre in crescita. Presto uscirà un libro che potranno acquistare le mie fedeli lettrici su come imparare a vestirsi bene tenendo conto della propria forma del corpo e non solo…!

 Una cosa che assolutamente non rifaresti

Crescendo ho imparato che nulla succede per caso e che anche la cosa più terribile che ci può succedere in realtà ci capita per un motivo. Riuscire a capire quale sia il motivo è davvero difficile ma quando l’hai capito è come ricevere una liberazione. Per cui se quello che ho fatto nella mia vita e tutte le cose (belle e brutte) che mi sono successe, mi sono capitate per diventare quella che sono, allora no, non c’è nulla che non rifarei.

 So che da poco hai lavorato per una campagna di moda che uscirà in tutto il mondo… Vuoi dirci qualcosa in più?

Ho iniziato come fotomodella per caso perché volevo realizzare delle foto da portare alle agenzie di cinema per propormi. Da lì mi sono cominciati ad arrivare una serie di lavori più o meno importanti e così è iniziata la mia carriera come fotomodella. Ad oggi posso dire di aver lavorato a campagne più o meno importanti e di avere avuto grandi soddisfazioni, ma quest’ultima che ho fatto è stata forse una delle più importanti campagne per cui sia stata scelta. L’azienda si chiama “Bling is the Thing” la quale ha firmato un contratto per lavorare a tutti i prossimi video di Jennifer Lopez, inoltre sarà presente su tutti i prossimi Red Carpet mondiali. Io sono la loro Testimonial e, credimi, non ho parole per descrivere la mia gratitudine.

 Come ti è venuta in mente l’idea di aprire un blog?

Allora ti do una risposta che più sincera di così non potrebbe essere. Stavo iniziando a crescere e quando una fotomodella inizia a crescere troppo si comincia a rendere conto che le sue rivali hanno 10 anni in meno, le tette più grosse e il culo più sodo e che non potrà fare la fotomodella per sempre. Io non avevo intenzione di abbandonare le mie passioni per cui ho deciso di aprire un blog interamente dedicato alle donne. In questo modo non avrei dovuto rendere conto a nessuna azienda e a nessuna età. Si può essere blogger anche a 60 anni, basta avere un target preciso che ti segue, cosa che ho fatto io!

 Essere una blogger , tempo e sudore………..quanta tenacia e professionalità ci vogliono ?

Innanzitutto è un lavoro a tempo pieno. Vedo molte persone nei social che prendono in giro le blogger, ma sono i classici leoni da tastiera che non provano a guardare al di là del loro naso. Ad esempio per scrivere un solo articolo ecco quello che faccio:  faccio una ricerca di mercato per capire cosa la gente vuole sapere in un determinato periodo dell’anno o riguardo un argomento in particolare. studio e mi informo su quell’argomento (anche perché non posso scrivere la prima cosa che mi viene in mente)  scrivo in ottica SEO (e questo significa che non posso scrivere solamente a braccio ma che devo seguire determinati schemi di scrittura)  scelgo il tipo di foto da realizzare per quell’articolo e  realizzo le foto insieme al fotografo  al termine, faccio un ritocco finale delle foto dopo che il fotografo me le consegna. Per scrivere un articolo ci posso mettere da 1 a 3 giorni di lavoro. Ci sarebbero altri step che faccio nel frattempo ma non voglio annoiarvi troppo. Inoltre non parliamo del fatto che, a parte gli articoli, c’è anche la necessità di realizzare continuamente del materiale per i social. Io a ed esempio realizzo collage con degli outfit interessanti per ogni forma del corpo (che mi porta via ore e ore),   realizzo dei video per il blog e altri social network come Youtube,   realizzo giornalmente delle fotografie con quello che le aziende mi mandano   e, ovviamente, organizzo il tutto sui social network (ad esempio ci sono aziende che vogliono che una foto sia sponsorizzata in un determinato giorno e ad una determinata ora, quindi qualsiasi cosa tu stia facendo devi bloccarti e postare la tua foto sui social.) Certo, non è sicuramente paragonabile ad un lavoro in miniera, ma nemmeno fare la commessa o la segretaria sono paragonabili al lavoro in miniera. Anzi generalmente la commessa e la segretaria finite le loro ore di lavoro, a casa non si portano altro da fare.

 Come si scelgono tra le varie proposte progetti di valore ?

Beh io sicuramente controllo che l’azienda abbia determinati valori. Molte aziende pensano che la pubblicità non sia importante e quindi cercando di risparmiare in tutti i modi. Pretendono che la modella e il fotografo vengano per 4 spicci e sono disposti anche a prendere amatori del settore. Queste sicuramente sono quelle aziende a cui sto moooolto alla larga. L’immagine di un’azienda è tutto, è il primo impatto che hai col pubblico, col cliente. Se gli fai vedere una foto brutta.. cosa credi che penseranno le persone comuni guardando il tuo catalogo? Che il tuo prodotto FA SCHIFO!!! Mi è capitato diverse volte di essere chiamata per RIFARE un catalogo perché quello prima era venuto male. Magari perché avevano chiamato il fotografo amico dello zio, del cugino della sorella specializzato in fotografie teatrali e la “modella” che era la sorella della nonna della vicina di casa che, ovviamente, non aveva la più pallida idea di come si posasse. Per cui, la prima cosa che valuto è la solidità dell’azienda e i valori in cui credono. Steve Jobs diceva: “Investire nella pubblicità in tempo di crisi è come costruirsi le ali mentre gli altri precipitano.” e diamine quanto aveva ragione!!!

 Ci sono altre sorprese in arrivo ?

Sì, il 12 giugno farò la giuria di un importante concorso di bellezza qui a Genova. Sono davvero felice di essere stata scelta come giurata perché in un certo senso per me è partito tutto quando ho deciso di partecipare a Miss Italia, e mi fa piacere poter essere un “mentore” per le ragazze che parteciperanno. Voglio che sia chiaro a tutte che per raggiungere i propri sogni non bisogna necessariamente scendere a compromessi. Basta amarsi e credere in se stesse.

Lascio Francesca a malincuore perchè ci sono pomeriggi così piacevoli che vorresti prolungarli almeno un po’, ma un treno ci attende. Ci salutiamo sapendo che tanto ci rivedremo tra pochissimi giorni in occasione della Milano Man FW per un nuovo lavoro del quale sicuramente vi parleremo.

                                                        Fulvia

Francesca

L’occasione di incontrare Francesca, è nella splendida cornice del bellissimo A.Roma Lifestyle Hotel.  

A.Roma Lifestyle Hotel

Una fantastica cena, due calici di vino e l’intervista viene spontanea. Proverò a sintetizzare anche se, in realtà di domande vorrei fargliene mille. Francesca è una modella ed Influencer amatissima dai Brands e dal pubblico, bella talentuosa e piena di fascino. Lei si presenta così esattamente come è, con un look semplice, quasi senza trucco e riesce ad essere bellissima ed affascinante anche così. Arriva con una macchina che lei chiama per nome, e mi porta in regalo un profumo ( l’ultimo lavoro appena uscito ). Ogni volta che la vedo capisco perché tanti Brands e così tanto pubblico impazziscano per lei. La serata si preannuncia divertente, la location è davvero fantastica, la compagnia altrettanto, credo che molte persone stasera vorrebbero essere al mio posto, ma…..qui ci sono io,  e già sento che questa sarà  un’intervista speciale.

I lettori di SuperShine sono sicuramente curiosi di sapere tutto di te Francesca. Come hai iniziato? Quando hai pensato per la prima volta che avresti desiderato fare questo lavoro ?

È stata una scommessa con un mio caro amico fotografo , Alessandro Anemona che in un piccolo , improvvisato studio, ha deciso di scattare il mio primo servizio … fare la modella non era tra i miei sogni principali , avrei voluto fare la veterinaria … poi per caso mi sono trovata catapultata in un mondo a me sconosciuto ma molto emozionante che mi ha assorbita a tempo pieno dandomi grandi soddisfazioni. 

Le modelle che hanno successo sono sempre fonte di ispirazione per le ragazze che desiderano iniziare, dai un consiglio a chi vuole intraprendere questo lavoro.

Questo è un lavoro serio , le persone dal di fuori a volte lo criticano negativamente pensando che tutto si concentri sulla bellezza ma non è così . Per realizzare un set fotografico ci vuole serietà , puntualità, concentrazione nel posare . Sono ore di lavoro ed una modella deve calarsi nel personaggio che il cliente richiede come se fosse un attrice . L’ abilità sta nell essere versatile ad ogni lavorio . L’ espressività deve essere interpretata e cambiata a seconda dello shooting richiesto . Consiglio alle ragazze che si affacciano a questo mondo di non considerarlo come un gioco ma di crederci e lavorarci con grande professionalità e non in maniera amatoriale .

Quanto secondo te in questo lavoro conta la bellezza e quanto l’intelligenza ed il carattere ?

La bellezza certamente conta ma, a mio parere l’ intelligenza e il saper distinguere i lavori da accettare che accrescano il tuo portfolio è decisamente più importante. Spesso molte modelle accettano lavori amatoriali indecenti che rovinano la loro immagine pur di guadagnare qualche soldo . Va benissimo la gavetta ma con intelligenza … meglio pochi set ma buoni . 

Un lavoro fatto che ti è rimasto nel cuore in modo particolare ed uno che sogneresti di realizzare

Non c è un lavoro che ho fatto che io abbia amato particolarmente. Li ho adorati tutti perché tutti mi hanno emozionata moltissimo e mi hanno fatta diventare quella che sono oggi . Mi piacerebbe poter essere il volto di un importante casa di moda … ad esempio per Brunello Cucinelli.

Una persona che hai incontrato nella tua vita lavorativa che ti ha colpito particolarmente e perchè.

Mauro Zoppini , ho lavorato come testimonial per i suoi gioielli e mi sono trovata benissimo.una persona solare , mi ha fatta sentire a mio agio fin da subito e questo mi ha colpita infatti siamo diventati ottimi amici.

Quali i privilegi di questo lavoro e a cosa invece si rinuncia. 

I privilegi sono diversi , ti regalano un sacco di cose dai vestiti ai costumi ai trucchi alle magliette e così via . Sei coccolata dallo staff con trucco parrucco facendoti diventare una diva e facendoti sentire importante . Se sei fortunata incontri persone sul set divertenti e poi lavorare con un ottimo fotografo ti insegna a formarti sempre di più , a crescere , a stare tranquilla davanti alla fotocamera, a tuo agio e alla fine è bellissimo sentirsi un tutt’uno con L obiettivo . È una fusione meravigliosa.

Una persona o un personaggio con cui sogneresti di andare ad una cena

Sono follemente innamorata di Cara delle Vigne . Adoro come posa , la sua naturalezza quel viso imbronciato e la sua personalità borderline . Sarebbe molto interessante cenare con lei e farmi raccontare la sua vita da dark lady . Adoro !

Come ritieni sia cambiato questo lavoro con l’avvento dei social 

I social sono necessari perché sono diventati una vetrina commerciale. Ormai tutti hanno Instagram Twitter Facebook e altro . Basta pensare al successo di Chiara Ferragni che ne ha fatto il suo motivo di vita . Posta una foto e milioni di followers la seguono . I brand la corteggiano e sponsorizzano facendole guadagnare molti soldi . A me tutto questo è ancora ad oggi un mistero . Non mi capacito che tramite i social le persone diventino famose e ricche ma funziona così ..

Per un intero giorno puoi avere un superpotere quale vorresti e per cosa lo useresti.

Quest’ultima  domanda mi piace da matti !!!!! Dunque io vorrei essere una specie di fatina 🧚‍♀️ sia buona che cattiva . Con la magia aiuterei tutte le persone in difficoltà e poi farei sparire quelle inutili che rovinano il mondo con la loro arroganza e cattiveria.

Le fotografie di questo articolo sono di   Alex Comaschi   Angelo Dau   Enzo Cossu  Marcello Rapallino    Max Simotti   Michele Massafra   Sergio Derosas

Andrea Zanchini International Model

Le interviste di Fulvia

Sono qui in un Hotel di Milano, per incontrare un super modello Andrea Zanchini. Ho da subito un’impressione molto piacevole: è puntualissimo, una qualità che ho sempre apprezzato nelle persone, e poi….è bellissimo, molto più che nelle fotografie, di una bellezza che incanta, solare carismatico. Ha il sorriso stampato in viso, di quei sorrisi che illuminano una stanza. Aspettiamo il nostro caffè e la prima domanda mi viene spontanea

     1.  LAVORO E   PRIVATO, QUANTE PORTE APRE LA BELLEZZA E CHE PARTE HA INVECE L’INTELLIGENZA ?

Innanzitutto non possiamo non dire che il mio lavoro è basato principalmente sulla bellezza esteriore, senza determinate qualità , misure fisiche , altezza minima, non puoi fare questo mestiere, per cui la bellezza è fondamentale, non importante. Rimane il fatto che la bellezza è sempre soggettiva anche in questo mestiere, quindi a parte misure e dati estetici necessari, ogni stilista ha i suoi gusti in fatto di bellezza, ed ogni gusto interpreta uno stile ben preciso. L’ intelligenza è altrettanto fondamentale ed utile, per poter costruire una carriera e conquistarsi la stima degli addetti ai lavori. Una persona intelligente si muove ben diversamente da una che non usa la testa ! Questo vale nel lavoro come nel privato secondo me ! L’intelligenza premia sempre alla lunga. La stupidità ha le gambe corte come le bugie.

 

  1. SO CHE HAI INIZIATO GIOVANISSIMO, COSA TI HA ATTRATTO DI QUESTO MESTIERE ?

Inizialmente mi ha attratto l’idea dell’indipendenza economica e della possibilità di fare nuove esperienze, viaggiare ed incontrare nuove persone. Poi crescendo ho apprezzato la fortuna che ho avuto nel potermi approcciare ad un lavoro cosi ricco di possibilità. Soprattutto i viaggi mi hanno arricchito e gli incontri con persone di vario genere.

  1. QUALI RITIENI SIANO I TUOI PUNTI DI FORZA ?

La caparbietà, la professionalità e il mio carattere accomodante. So quello che voglio, rispetto la puntualità e il lavoro di tutti e ho un carattere che mi permette di andare daccordo con tutti. Amo la pace.

  1. FARE IL MODELLO QUANDO HAI INIZIATO E FARE IL MODELLO OGGI, COSA E’ CAMBIATO ?

Tutto , proprio il mercato è cambiato, quando ho iniziato io eravamo dei privilegiati. Il ricambio era meno veloce. Oggi è tutto più veloce, un modello si afferma molto più velocemente ma perde valore e fama altrettanto velocemente. Prima non esistendo internet, i social, giravamo con le foto stampate, i classici book, si girava a piedi, si camminava, si vaggiava per andare a fare un casting, non era tutto comodo da casa e da un pc. Oggi basta inviare foto via email e il gioco è fatto. Ma ci sono anche molti più modelli proprio perchè sembra più facile fare questo mestiere. Ai miei tempi dovevi anche avere volontà e voglia di darti da fare davvero, ma quando cominciavi a lavorare e si vedeva la stoffa, difficilmente uscivi dal giro o venivi sostituito velocemente con uno nuovo. Si costruivano i rapporti, e rimanevano saldi nel tempo.

LA TUA CARRIERA E’ MAGICA QUALI PENSI SIANO LE CARATTERISTICHE CHE UN MODELLO DEBBA AVERE PER MANTENERE IL SUCCESSO COSI A LUNGO ?

Non so risponderti di preciso a questa domanda, perchè non credo che servano delle caratteristiche ben precise. Una caratteristica, sicuramente quella di avere la voglia di continuare, e il mantenere il fisico in forma. Ma soprattutto credo ci voglia fortuna, come in tutte le cose un pizzico di fortuna e destino, serve sempre. Io mi ritengo molto fortunato.

  1. NELLA TUA CARRIERA HAI INCONTRATO DAVVERO TANTISSIME PERSONE E POSATO PER BRANDS IMPORTANTI, SE TI CHIEDESSI UNA PERSONA CHE TI HA PARTICOLARMENTE COLPITO PER LA SUA PRSONALITA’ E PER IL SUO TALENTO ?

Giorgio Armani, perchè nonostante la posizione che occupa, il successo e tutti i riconoscimenti che ha avuto a livello internazionale, ha mantenuto una semplicità ed un’umiltà incredibile che mi ha davvero colpito. Gentilissimo , educatissimo ed umilissimo.

  1. QUALE PENSI SIA STATO IL TUO SUCCESSO PIU’ IMPORTANTE?

      La campagna mondiale di Gianfranco Ferre’.

  1. QUALE LA TUA SFIDA PIU’ IMPEGNATIVA ?

     La ricerca e il raggiungimento del mio equilibrio interiore. Una sfida davvero enorme che ancora oggi mi impegna moltissimo.

UNA PERSONA CHE AMERESTI CONOSCERE E PERCHE’

   Dio. Avrei un pò di domande da fargli. Una serie lunghissima. La prima: “ Perchè c’è cosi tanto dolore e violenza su questa terra?”

10 SEI SUPER AMATO DALLE DONNE, COSA RITIENI PIU’ AFFASCINANTE DI TE?

  Esteticamente il mio sguardo ed il sorriso. Interiormente credo, la mia spontaneità. Le donne si stancano facilmente di   uomini costruiti.

11 IL TUO ULTIMO LAVORO

     Campagna Spot di PininFarina.

  1. LA CARRIERA DI UN MODELLO COME QUELLA DI UNO SPORTIVO, NON DURANO IN ETERNO. COSA VUOI FARE DA GRANDE ?

Io sono già grande ahahhahaha. Ormai la mia vita va al contrario, sto costruendo altro mentre mi diverto a fare ancora il modello. Mi occupo di una serie di cose che mi piacciono e mi sto muovendo in ambiti diversissimi dalla moda. Uno dei quali è un b&b, che ho nella mia città, Bologna.

  1. ED ORA ANDREA UNA DOMANDA CURIOSA, SE PER UN GIORNO POTESSI AVERE UN SUPER POTERE COME LO USERESTI ?

Per cambiare il mondo. Eliminare la violenza da questo pianeta.

Olga una Supermodella

Le interviste di Fulvia

 Olga …… Feeling my self

Devo fare una prefazione un po’ particolare a questa intervista a cui tengo tanto, ho voluto e desiderato fare questa intervista ad Olga che considero una delle modelle più BELLE  che io abbia avuto il piacere di conoscere , nel senso totale della parola  lei è BELLA DA MORIRE . HA UN FISICO SPETTACOLARE , UN VISO FANTASTICO MOLTO FEMMINILE ED ESPRESSIVO, OCCHI MAGNETICI , E’ CARISMATICA, BRAVISSIMA A POSARE, ECLETTICA , E MOLTO MOLTO  PROFESSIONALE. Ed è una donna molto intelligente e…..cosa rarissima è una donna libera, nei pensieri e nelle azioni. I fotografi la adorano e le aziende la cercano. Non sono risultati che arrivano per caso. Le risposte di Olga come concordato con lei sono state riviste ( in parte) esclusivamente nella parte grammaticale  della lingua Italiana  cercando di non stravolgerne il senso , anche se le avrei quasi lasciate esattamente come le ha scritte lei. Alcune delle domande sono state poste dai nostri lettori sui social , ed in queste ultime sarà indicato  ( dove ne abbiamo avuta autorizzazione ) il nome di chi le ha poste.

Olga ciao, una domanda per cominciare,  che mi viene quasi spontanea a che età hai iniziato a fare la modella ? Era già nei tuoi sogni ?

Ciao, da quando sono nata, credo che il desiderio di fare la modella sia nato con me. Dovevo solo aspetare il momento giusto, che peraltro è arrivato molto tardi rispetto il canoni della professione, ma mai  tardi rispetto ai canoni della vita.

Cosa ti ha spinto a venire in Italia?

La prima volta, sono venuta in Italia per  delle competizioni sportive che facevo seguendo la squadra Lettone di WorldFitnessFederation. Queste trasferte hanno  portato il grande amore per la Italia, mi sono inamorata  fin dalla prima volta, ho amato tutto quello che per un Italiano è la quotidianità.

Sei una modella molto eclettica, passi con naturalezza da un genere all’altro con una naturalezza incredibile. Cosa conta di più in una modella ?

L’importante è lavorare ogni giorno, ogni ora, non smettere, non ascoltare le critiche velenose , ma solo quelle construitive che ti portano di cambiarti in meglio.

Se ti chiedessi cosa ami di più del tuo fisico e cosa invece del tuo carattere?

Del mio carattere amo la capacità di essere libera e la mia ribellione verso ogni tipo di canone imposto, del mio fisico…….il .cervello che non  mostra la sua esistenza, ma si sente la sua presenza ogni tanto.

La curiosità è una molla potente, è questo che ti ha spinto verso questa professione?

 La curiosita può sicuramente essere una spinta , ma dopo la scoperta non può far rimanere in questa professione, io invece ero destinata dalla nascita, non potevo farne a meno.

Una persona vivente che vorresti conoscere

Pavel Durov

Le donne sanno essere amiche di una donna bellissima come te?

le donne sanno essere amiche e punto. Quelle che sono disturbate dalla bellezza di qualcuno, non sanno esere amiche di nesuna altra donna in generale.

Cosa ti attrare di un uomo.

( la risposta di Olga l’abbiamo omessa ……….potete chiederlo direttamente a lei )

Pensi che esistano sogni impossibili o pensi che  le cose basti volerle davvero ? 

Do ragione a tutte due , quando uno sta per morire, desidera vivere, o che  un tuo caro possa sopravvivere  ma a volte muoriamo comunque. Ma se nella vita non avessi obiettivi, e la voglia di fare per raggiungerli , che senso avrebbe la  vita?

Qual’è l’abbigliamento maschile che preferisci

Odio la guerra ma amo tutte le uniformi

Se avessi un superpotere quale vorresti avere e come lo useresti?

Vorrei poter tornare in dietro nel con tempo, e dire le cose alle persone che non ho avuto la possibilita di dire, che ora non ho più.

Cosa mangi?

Mangio tutto quello che me piace. La vita felice e di goduria si vede non solo nel occhi ma anche nella reazione del tuo corpo. Come in ogni cosa, basta non esagerare.

Cosa c’è dietro la parola modella? C’è solo una bella ragazza?

Non ce n’è una sola, ci sono un  miliardo di belle ragazze, e come tutte le persone, siamo diversi, c’è teste di …….., come ci sono  ragazze strepitose ed intelligenti . Io posso parlare solo di me, dietro la parola modella, non sempre la ragazze che sia bella per te o che ti piace, ma c’è una grande lavoratrice con desiderio di vivere la sua vita piccola felice.

Secondo te una modella come sceglie la nazione in cui mettere la sua base ? Vediamo moltissime modelle che vivono in un paese diverso da quello dove sono nate e cresciute.

Non  tutti i paese nei quali siamo nati hanno il mercato della  moda sviluppato. Siamo lavoratori come tutti altri, quantita di architetti, baristi, ingegneri , artisti  sono fuori dall’Italia, come  ci sono anche molti  lavoratori stranieri in Italia.

Ok, visto che girate intorno….quanto guadagni ? ( Domanda posta da  FRANCESCO)

In generale non pagiamo mai le “nostre giri intorno”, per lavoro, è sempre tutto tutto pagato da cliente, e sarebe cosi – aeroporto, studio, aeroporto, le vacanze in generale me le pagano da fidanzati, o  amanti , le modelle sui social che postano solo i posti belli e shopping costosi, non credo siano modelle , ma penso facciano un altro genere di lavoro. Per cui  il nostro guadagno non è legato alla quantita di posti che visitiamo. Piu fai le vacanze meno guadagni.

Che importanza ha oggi il rapporto con le agenzie e quale quello con i social

Sono importanti  tutti e  due, ma non li ritengo necessari, se un giorno il social crolla, il cliente ti trova grazie ad agenzia, invece oggi, senza agenzia il cliente ti può trovare direttamente sui social. Comunque essere sui social è come  una autopublicità a costo zero. Ma se veramente hai voglia di lavorare, il cliente lo puoi  trovare tu, senza queste due piattaforme, facendo lo  stesso lavoro che fanno i booker delle agenzie.

Quali sono secondo te le caratteristiche che impediscono ad una modella pur bellissima di “ sfondare” ?         

Pensare solo di essere bella e puntare tutto su quello e pensare che tutti ti debbano qualcosa solo per questo.

Di fatto è più importante la bellezza oppure un carattere forte?

Sono importanti tutte due, ma è preferibile il carattere forte, perchè è  quello che cambia ogni canone di bellezza.

Quanto è importante la capacità di adattarsi alle situazioni e di avere buoni rapporti con tutti?

E’ importante ma non lo ritengo necessario

Come si concilia la necessità di mangiare spesso fuori e di corsa con l’esigenza di mantenersi in forma?

Basta Organizzarsi  prima e preparare il cibo in anticipo.o stando in giro scegliere quello che adatto a te.

Quanto è difficile fare la modella in Italia, quando tutti gli uomini cercano di saltarti addosso ? ( domanda posta da MAURO )

Non devi essere modella per avere attenzione degli uomini , è comunque bello essere apprezzata , ovviamente senza violenza , ma in generale quando lavori tanto, nessuno ti salta addoso perchè non sei mai raggiungibile.

Chi sei quando sei davanti alla macchina fotografica, e chi quando sei sola davanti allo specchio ? ( domanda posta da  MAURIZIO)

Davanti alla macchina fotografica devi mostrare la sicureza di te , essere una musa, una dea, invece da sola davanti allo specchio posso permetermi di essere me , una persona normale,  conlesue debolezze ed insicurezze, umana insomma .

Che farai quando non potrai più fare la modella ? Scusa la schiettezza  ( Domanda posta da  GIUSEPPE)

Dipende delle condizioni che intendi, se si trata di età, allora posso dire con sicurezza che fare la modella si può per tutta la vita, se si tratta di condizione fisiche e salute, allora non saprei dare la risposta, dipenderà dalla situazione, sicuramente la gioia di vivere mi porterà a scoprire altre belle cose da fare

Hai un piano B per il giorno in cui non sarai più felice del tuo lavoro ? ( Domanda posta da ANTONIO )

Impossibile , non mi accadrà mai di non essere più felice del mio lavoro.

Quanti Westwein esistono nel mondo della moda ? Ne hai conosciuti ? Sei solidale con le modelle che dicono di aver subito violenze? ( Domanda posta da CLAUDIO  )

Westwein esistono da per tutto, Odio la prepotenza! sono contro qualsiasi violenza sessuale, anche  quando spinti da scambio  di favori lavorativi, ma sono anke consapevole, che sia una cosa umana, era cosi prima, è cosi oggi, ma speriamo che non ci sara domani.

What makes u different from other models and why ? ( Domanda posta da TULIO )

I dont pretend to be a model, I’m keep being my self, even its never gona make me become the top.

Grazie mille,
e cividiamo su olgademar instagram
follow me
💋

 

 

 

 

 

 

 

 

Intervista al Dott. Stefano Pau Chirurgo Estetico

PARLIAMO DI MEDICINA E CHIRURGIA ESTETICA

Le interviste di Fulvia

Siamo qui nel centro di Torino nello studio del Dott.Pau Abbiamo deciso di fare questa intervista per fare chiarezza sul mondo della chirurgia e della medicina estetica in un momento di una richiesta sempre più forte da parte del pubblico. Non sono più solo attrici e modelle a fare ricorso alla chirurgia estetica. Ogni donna ha il legittimo desiderio di sentirsi bella o sentirsi ancora bella nonostante il trascorrere degli anni . L’imperativo però è affidarsi ad un medico serio.

MA LA CHIRURGIA ESTETICA E’ ALLEATA O NEMICA? CHIEDIAMOLO AL DOTT. PAU

Inizierei col fare una distinzione tra chirurgia e medicina estetica. La medicina estetica comprende tutti quei trattamenti, come piccole punturine, laser, peeling e altri volti a migliorare l’immagine e di conseguenza la qualità della vita del paziente, senza prevedere cicatrici visibili; in alcuni casi però, per ottenere un risultato soddisfacente, la medicina estetica non è sufficiente e si deve ricorrere alla chirurgia estetica che invece comporta interventi più radicali con fini diversi ,l’aumento del seno, un lifting, la correzione di un naso pronunciato, la liposuzione .

 

QUALI SONO LE TERAPIE PIU’ RICHIESTE?

Tra i trattamenti di medicina estetica richiestissimo il trattamento con il botulino perchè attenua sul viso le rughe di espressione e lo rende più disteso ridando sicuramente al volto un aspetto più giovane e fresco e quelli con i filler a base di acido ialuronico per il miglioramento dei volumi del viso, qui l’intento è recuperare i volumi persi; i filler sono trattamenti semplici, praticamente indolori, donano al volto un aspetto piu giovane e armonioso fin da subito.
Si esce dallo studio medico con un risultato immediato, quindi trattamenti semplici di grande soddisfazione, molto richiesti anche trattamenti con PRP e biorivitalizzanti per il ringiovanimento della pelle o per contrastare l’alopecia ed il fotoringiovanimento laser per attenuare macchie e piccole rughe del volto ma anche del decolleté e delle mani .

Parlando di chirurgia invece , gli interventi di chirurgia estetica come la blefaroplastica e le mastoplastiche in generale sono gli interventi più richiesti. L’aumento del seno è un intervento molto richiesto, dona sicuramente femminilità, spesso anche dopo gravidanze e allattamento. In forte ascesa i trattamenti di microlipofilling e nanolipofilling che sfruttano il tessuto adiposo per le sue proprietà volumizzanti e per le cellule staminali in esso contenute. Sono trattamenti relativamente nuovi ma già ben collaudati

 

LEI VEDE MOLTISSIME DONNE, QUALI SONO I DUBBI E QUALI LE DOMANDE PIU’ FREQUENTI ?

La preoccupazione maggiore delle pazienti che si rivolgono al nostro studio è quella di non ottenere un risultato appagante, hanno paura di rimanere “sfigurate” come tanti personaggi, anche famosi, che si vedono sui vari media. Il loro desiderio è un risultato il più naturale possibile, ed è anche il nostro obiettivo.

QUANTO CONTA IL MEDICO GIUSTO?

Proprio proseguendo il concetto della domanda precedente direi che è fondamentale. Solo un medico con adeguata preparazione e continuo aggiornamento può mettere al riparo la paziente da disastri e risultati non soddisfacenti!

NUOVE TERAPIE ANTI-AGING COME SI E’ EVOLUTA LA MEDICINA ESTETICA NEGLI ULTIMI ANNI?

I materiali impiegati sono migliorati tantissimo in termini di sicurezza e di qualità dei risultati che consentono, la medicina estetica rigenerativa (come il PRP e le cellule staminali) sta prendendo sempre più piede; inoltre la conoscenza approfondita dell’anatomia e della fisiologia dell’invecchiamento permette di risolvere, senza ricorrere alla chirurgia, inestetismi anche particolarmente “difficili”.

ESISTONO DELLE TERAPIE ADATTE ALLE PIU’ GIOVANI?

Prima dei 30 anni sicuramente il consiglio è di curare al meglio la qualità della pelle, ci possono essere d’aiuto peeling e biorivitalizzanti, molto richiesto è anche il rimodellamento del volume delle labbra, che dona una indubbia femminilità. Dopo i 30 anni il botulino aiuta a prevenire la comparsa di rughe di espressione marcate, difetto difficile da correggere una volta che diventi particolarmente evidente; si possono inoltre iniziare piccoli e mirati rimodellamenti dei volumi del volto, in pazienti selezionate, per tamponare i primi cedimenti dei tessuti del viso (Parliamo in particolare del ringiovanimento del volto)

UN CONSIGLIO GENERALE PER I NOSTRI LETTORI

Affidatevi a medici esperti, utilizzate solamente prodotti di altissima qualità e diffidate delle offerte da supermercato! Solo un medico esperto e coscienzioso è in grado di consigliare i trattamenti giusti per ogni persona . mirati e personalizzati

 

 

In occasione di questa intervista in via del tutto eccezionale siamo riusciti a convincere il Dott.Pau a fare un regalo ad una delle nostre lettrici .Il dott.Pau ospiterà una delle nostre lettrici per un trattamento di MEDICINA ESTETICA ( non chirurgia estetica) ( il tipo di trattamento verrà scelto dal medico insieme alla nostra lettrice secondo le esigenze personali )  Per avere questo trattamento dovete inviare una mail a : hello@supershine.me 

PONENDO UNA DOMANDA AL DOTT. PAU Tutte le mails saranno inviate al Dott Pau che ne sceglierà una a suo insindacabile guidizio

 

Il Dottor Stefano Pau è medico chirurgo, specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica. Dopo la specializzazione con il massimo dei voti a Torino, ha conseguito due ulteriori master di specializzazione in Francia, uno, della durata di due anni, di chirurgia ricostruttiva ed estetica della testa e del collo, uno di dermatologia estetica, laser e cosmetologia. Attualmente è consulente presso il IRCCS di Candiolo (TO), è stato dirigente medico presso il reparto di Chirurgia Plastica e Chirurgia della Mano dell’ Ospedale Evangelico Valdese di Torino; pratica, presso il suo studio nel centro di Torino, la libera professione nell’ambito della medicina estetica, della chirurgia ricostruttiva ed estetica, della dermochirurgia, della chirurgia della mano e dei trattamenti laser.

http://www.chirurgiaplastica-info.com