Blog

Magica Susanna

  • 71342343_2620255914701717_1474287987238895616_o
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • 21686255_1557953324265320_214836864998424676_n
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • 71271734_2620255924701716_2031592154610008064_o
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • 53160247_2242545209139458_3305394740668661760_n
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
  • SUSY
Le interviste di Fulvia

Magica Susanna

Susanna è una modella e ben lo sanno i suoi innumerevoli , davvero innumerevoli FANS . Per me è qualcosa di più. lei per me è una modella ed una amica speciale. Le donne belle intelligenti e gentili sono rare  e lei è una di queste. Susanna ed io abbiamo l’abitudine di incontrarci nei posti più disparati e ci facciamo gli immancabili “selfie”. Ci avrete sicuramente viste a MILANO, come non incontrarsi nella capitale della moda? Ma anche sulle spettacolari spiagge di KEY WEST  , così come nel nostro coffe shop preferito di MIAMI sul mitico divano bianco di pelle. o a MONTECARLO.  Ma questa intervista la ………giochiamo in casa ( MIA) !!!!!!!!!  Scegliamo di andare per un aperitivo sul grattacielo a TORINO e prima di accomodarci ci godiamo il tramonto sulle montagne e la città che si illumina, dal 35° PIANO. Ci fanno accomodare e come sempre facciamo fatica a passare inosservate . Qualcuno dal divanetto di fronte abbozza un timido saluto, qualcuno osa di più venendo a dirci che ci è caduto qualcosa , qualcuno le sorride , insomma in fondo sono una “Body Guard in piena regola “.  Poi arrivano le nostre spremute e possiamo iniziare la nostra chiacchierata.
 Susanna, la prima domanda mi sorge spontanea, tutte le modelle sono belle, ma tu hai quel qualcosa in più. Come si gestisce l’essere sempre ammirate e corteggiate?
Ciao Fulvia, ciao lettori di Supershine!
Probabilmente quella cosa in più è semplicemente il fatto di essere me stessa, di non essermi montata la testa e di non fingere di essere ciò che non sono. L’essere ammirate e corteggiate ovviamente fa piacere, anche se a volte, quando il “corteggiamento” e gli apprezzamenti sono eccessivi, può essere stressante. Non a caso, capita spesso che mi “imbruttisca” per evitare certi marpioni.
 Quando hai cominciato a pensare di fare la modella come mestiere?
Ho lavorato come modella fin dai tempi del
Liceo e dell’Università, senza però considerarlo un vero e proprio mestiere. Ho iniziato a prendere la cosa un po’ più seriamente dal momento in cui mi sono trasferita a Milano subito dopo l’università. Da quando invece ho firmato il contratto con l’agenzia di moda Elite Model Management di Miami, è diventato il mio mestiere.
Quanto tempo dedichi alla cura di te?
Non dedico molto tempo alla cura del mio corpo. Mi prometto sempre di farlo, ma poi non lo faccio mai. Un po’ per pigrizia e un po’ perché per fortuna il mio corpo si mantiene abbastanza bene anche senza particolari cure. Piuttosto dedico più tempo alla cura della mia pelle del viso da quando ho scoperto la linea age reverse di Miamo. Bastano 2-3imiti al mattino e sera, e una maschera a settimana, per avere una pelle radiosa e priva di imperfezioni (preciso che non sono stata pagata per dire questo, sono solamente super soddisfatta dei risultati miracolosi).
Una celeberrima pubblicità recitava “toglietemi tutto ma non…” come completeresti questa frase?
“…il mio anello”. Senza dubbio! È ciò che mi sta più a cuore. Non lo tolgo MAI. È un regalo da parte di mio padre che non c’è più.
Come seconda cosa invece direi “il passaporto”. Viaggiare è quello che mi fa stare meglio. Mi fa sentire libera, mi arricchisce, mi da tante risposte.
So che non ami una vita fatta di routine, ma ad un certo punto della tua carriera già avviata, hai fatto una valigia e sei addirittura volata dall’altra parte del mondo.
La parola routine non rientra nel mio vocabolario. Ho bisogno di muovermi, di fare nuove esperienze e di scoprire nuovi posti. Non riuscirei mai ad avere un posto di lavoro che mi obbliga a fare le stesse cos’è tutti i giorni nello stesso posto. Mi spegnerebbe dentro. Ho sempre bisogno di nuovi stimoli e dell’elettrizzante emozione del non sapere in quale parte del mondo mi troverò tra un mese, tra due settimane o addirittura domani!
Miami è sinonimo di lusso e posti fantastici tutto vero?
È vero e non vero. Non dimentichiamo che, come in tutte le grandi città, anche a miami ci sono zone più povere e meno “chic”. Però indubbiamente a miami si possono trovare alcuni tra i migliori e più lussuosi locali al mondo. Bisogna inoltre fare attenzione a non farsi travolgere troppo dal lifestyle sfrenato che contraddistingue questa città. Feste private in villa, yacht, jet privati, macchinoni, vip, miliardari, spiagge e mare da sogno, e chi più ne ha più ne metta. Posso dire che miami resta una delle mie città preferite e una delle poche in cui vivrei, se “presa a piccole dosi”. Anche perché, dopo un po’, anche tutto questo eccesso e sfrenatezza diventerebbero routine e perciò “banali”. Oltretutto non sono un’amante di discoteche e feste pazze, però miami offre anche relax, ottimi ristoranti e attività e passeggiate all’aria aperta.
Hai scattato con fotografi molto importanti, qualcuno che hai amato in particolare?
Sì, è vero. I miei 3 preferiti sono: Sylvio Testa, con cui ho scattato in giro per il mondo: Francia, Miami, Bali, Grecia. Alberto Buzzanca, che conosco da una decina di anni e David Benoliel, un fotografo che ho sempre ammirato e con cui poi ho scattato per un editoriale statunitense. Hanno stili molto diversi tra di loro e ognuno ha il suo stile inconfondibile. Mi ritengo molto fortunata ad aver avuto l’onore di scattare con alcuni tra i fotografi che considero più talentosi al mondo.
Un fotografi invece con cui vorresti scattare 
È difficile fare un nome solo. Ognuno ha la sua particolarità, non saprei davvero quale scegliere. Probabilmente Patrick Demarchelier. Però ammiro molto anche Steven Chee, Gilles Bensimon, Gavin O’Neill, Megan Claire, Alex Mavrin, Zoey Grossman e Thomas Louvagny.
Sfatiamo le voci che vogliono che tutte le modelle che posano in lingerie e fanno calendari siano tutte bad girls
Questa purtroppo è una delle convinzioni più diffuse tra la gente. Bisognerebbe capire che fare la modella è esattamente come fare l’attrice. Devi recitare la parte richiesta. Anche se questa non rispecchia la propria personalità (sempre dentro ai limiti della decenza ovviamente). Quindi se una modella posa in lingerie, o fa un calendario, non significa che sia una poco di buono. Significa solamente che sta posando come richiesto dall’editoriale, catalogo ecc.
La stessa cosa vale anche per le modelle che posa da “brave ragazze” e magari non lo sono nella realtà. Ricordiamoci di non soffermarci all’apparenza e a non giudicare.
L’avvento dei social ha trasformato un po’ questo lavoro, lo hanno aiutato? Trovi differenze nel modo di usufruirne tra qui e gli usa?
L’avvento dei social sicuramente ha dato molta visibilità a noi modelle, e anche la possibilità di ricevere un maggior numero di proposte lavorative a cui però bisogna fare molta attenzione. Inoltre, fino a qualche anno fa, i prodotti venivano pubblicizzati soltanto su magazine, editoriali e cataloghi online e cartacei, o in tv. Ora invece vengono pubblicizzati anche nei social media: sia in quelli del brand, sia in quelli privati delle modelle (o influencers). Una volta, per fare questo lavoro era indispensabile affidarsi ad una buona agenzia o ad un agente. Ora basta aver un buon numero di followers.
Dalla mia esperienza personale, ho notato che negli Stati Uniti, ai social networks, viene dato un peso maggiore rispetto che in Italia. Nel 90% dei casting, infatti, oltre alle misure e dati personali, viene richiesto anche il numero di followers. E, in caso di indecisione, il cliente sceglie la modella con più followers.
So che ricevi davvero migliaia di messaggi privati.  I più strani?  
Per fortuna non ricevo tanti messaggi “strani”. La maggior parte dei messaggi che ricevo sono di ammirazione, complimenti e di richiesta di consigli (su dieta, su come mantengo il mio fisico, ecc). Alcuni messaggi strani che mi sono rimasti impressi sono quelli di persone che mi chiedevano se potevi vendere loro i miei calzini usati, supplicandomi che puzzassero. Ovviamente non ho accontentato queste richieste. In altri messaggi invece si offrivano di essere i miei “schiavi”, implorandomi di venire insultati e maltrattati. Anche queste richieste chiaramente non sono state esaudite.
Una persona vivente con cui vorresti andare a cena
Senza dubbio con Brigitte Bardot. Una donna che stimo molto per la sua assoluta voglia di libertà. È sempre stata anche una delle più influenti attiviste dei diritti degli animali, istituendo la Fondazione Brigitte Bardot per il benessere e la protezione degli animali che ha finanziato con il ricavato della vendita all’asta dei suoi gioielli e oggetti personali. Per non parlare poi della sua fama di icona fashion: ha reso popolare la scollatura “Bardot”, il bikini, gli abiti di percalle, la pettinatura a “nido d’ape” ecc.
Una domanda importante, cosa vuoi fare da grande
Purtroppo sono già grande. E sono molto fiera e orgogliosa di aver esaudito il mio sogno da bambina di diventare una modella e di essere stata rappresentata dalle agenzie di moda più importanti al mondo. Ora che sono grande ho altri progetti. Sto lavorando sodo per aprire la mia attività, ma per il momento non vi anticipo altro. Quindi, tornando alla domanda, sarò il capo di me stessa.
Per ultima una domanda che amo fare a tutti per un solo giorno puoi avere un super potere quale vorresti avere e perché
Mi piacerebbe poter leggere nel pensiero delle persone, di poter entrare nella loro mente. Al giorno d’oggi ci sono troppe persone false e per me è diventato quasi impossibile riuscire a fidarmi di qualcuno. In questo modo sarebbe tutto più semplice!  

Susanna is a model and her countless, truly countless FANS know it well. For me it is something more. for me she is a model and a special friend. Intelligent and kind beautiful women are rare and she is one of them. Susanna and I have the habit of meeting in many different places and we do the inevitable “selfies”. You will surely have seen us in MILAN, how not to meet in the fashion capital? But also on the spectacular beaches of KEY WEST, as well as in our favorite MIAMI coffe shop. or in MONTECARLO. But this interview ……… we play at home !!!!!!!!! We choose to go for an aperitif on the skyscraper in TURIN and before sitting down we enjoy the sunset over the mountains and the city that lights up from the 35th FLOOR.

They make us sit down and as always we struggle to go unnoticed. Someone from the sofa in front sketches a shy greeting, someone dares to come and tell us that something has fallen, someone smiles at her, in short, I am a “full body guard”. Then our juices arrive and we can start our chat.

1-hello Susanna, the First question arises spontaneously, all the models are beautiful, but you have something more. How do you manage to be always admired and courted?Hi Fulvia, hello Supershine readers!

Probably that extra thing is simply the fact of being myself, of not having mounted my head and not pretending to be what I am not. Being admired and courted obviously pleases, even if sometimes, when the “courtship” and appreciation are excessive, it can be stressful. Not surprisingly, it often happens that I “get ugly” to avoid certain letches. 

2- when did you start thinking about modeling as a profession?
I have been working as a model since the time of High School and University, without however considering it a real job. I started taking it a little more seriously from the moment I moved to Milan immediately after university. Since I signed the contract with The fashion agency Elite Model Management Miami, it has become my job.
3- how much time do you spend for your self beauty care?
I don’t spend much time looking after my body. I always promise myself to do it, but then I never do it. A little out of laziness and a little because luckily my body is maintained well enough even without special care. Rather, I spend more time looking after my face since I discovered Miamo age reverse line. It takes 2-3 minutes in the morning and evening, and one face mask per week, to have a radiant and flawless skin (I specify that I have not been paid to say this, I am only super satisfied with the miraculous results).
4- a famous advertisement says “take away everything from me except …” how would you complete this sentence?
“… my ring.” No doubt! It’s the most important thing that I own. I NEVER take it off. It is a gift from my father who passed away. Then, I would say “my passport”. Traveling is what makes me feel better. It makes me feel free, enriches me, gives me many answers.
5- I know you don’t like routine in your life, but at some point in your career, you packed a suitcase and even flew to the other side of the world.
The word routine is not part of my vocabulary. I need to move, to make new experiences and to discover new places. I would never be able to have a job that forces me to do the same thing every day in the same place. It would turn me off inside. I always need new urges and the thrilling emotion of not knowing where in the world I will be in a month, two weeks or even tomorrow!
6- Miami is a synonym of luxury and fantastic places, is that true?
It is true and not true at the same time. Let’s not forget that, as in all the big cities, even in miami there are poor and less “chic” areas. But undoubtedly in Miami you can find some of the best and most luxurious places in the world. You must also be careful not to get overwhelmed by the unbridled lifestyle that distinguishes this city. Private parties in the villas, yachts, private jets, supercars, VIPs, billionaires, dream beaches and sea, and more and more. I can say that miami remains one of my favorite cities and one of the few in which I would live, if “lived responsibly”. Also because, after a while, all this excess and wildness would also become routine and therefore “boring”. Besides, I’m not a lover of nightclubs and crazy parties, but miami also offers relaxation, excellent restaurants and activities and outdoor walks.
7- you shot with very big photographers, someone you particularly loved?
Yes, it’s true. My 3 favorites are: Sylvio Testa, with whom I shot around the world: France, Miami, Bali, Greece. Alberto Buzzanca, whom I’ve known for ten years and David Benoliel, a photographer that I have always admired and with whom I shot for an American magazine. They have very different styles and each has its own unmistakable style. I feel very lucky to have had the honor of shooting with some of the photographers I consider most talented in the world.
8- a photographer with whom you would like to shoot
It is hard to mention just one name. Each has its own particularity, I really don’t know which one to choose. Probably Patrick Demarchelier. But I also admire Steven Chee, Gilles Bensimon, Gavin O’Neill, Megan Claire, Alex Mavrin, Zoey Grossman and Thomas Louvagny very much.
9- let’s dispel the voices that say all the models who pose in lingerie and make calendars are all bad girls
Unfortunately, this is one of the most common beliefs among people. People should understand that modeling is exactly like being an actress. You have to play the part requested. Although this does not reflect one’s personality (always within the limits of decency obviously). So if a model poses in lingerie, or makes a calendar, it does not mean that she is not a good girl. It only means that she is posing as requested by the editorial, catalog etc.
The same thing also applies to the models that pose as “good girls” and maybe in real life they are not. Let’s remember not to dwell on appearance and not to judge.
10 -social medias have transformed this job a bit, have they helped it? Do you find differences in how they are used between Italy and USA?
The advent of social medias have certainly given much visibility to us models, and also the possibility of receiving a greater number of job offers to which, however, we must pay close attention. Furthermore, until a few years ago, the products were advertised only in online and printed magazines, editorials and catalogs, or on TV. Now they are also advertised in social media: both in the brand’d account and in the models’ private account )or influencers’). In the past, to do this job it was essential to rely on a good agency or an agent. Now just having a good number of followers.
From my personal experience, I have noticed that in the United States, social networks are given greater weight than in Italy. In 90% of the castings, in fact, in addition to the measurements and personal info, the number of followers is also requested. And, in a pot of indecision, the customer chooses the model with most followers.
11- I know you really get thousands of private messages. The weirdest?
Luckily I don’t get many “weird” messages. Most of the messages I receive are of admiration, compliments and requests for advice (on diet, on how I take care of my body, etc.). Some weird messages that have impressed me are those of people asking me if you could sell my used socks to them, begging me that they stank. Obviously I have not satisfied these requests. In other messages, however, they offered to be my “slaves”, begging me to be insulted and mistreated. Even these requests were clearly not satisfied.
12- a living person you would like to have dinner with
Without a doubt with Brigitte Bardot. A woman whom I respect a lot for her absolute desire for freedom. She has always been one of the most influential animal rights activists, establishing the Brigitte Bardot Foundation for the welfare and protection of animals which she financed with the proceeds from the auction sale of her jewelry and personal items. Not to mention his fame as a fashion icon: she popularized the “Bardot” neckline, the bikini, the percale dresses, the “honeycomb” hairstyle, etc.
13- an important question, what do you want to do when you grow up?
Unfortunately, I’ve already grown up. And I’m very proud to have fulfilled my childhood dream of becoming a model and to have been represented by the most important fashion agencies in the world. Now that I’m older I have other plans. I am working hard to open my own business, but for the moment I am not anticipating anything else. So, going back to the question, I’ll be the boss of myself.
14- a question that I love to ask everyone: for just one day you can have a super power, which one would you like to have and why?
I would like to be able to read in people’s thoughts, to be able to enter in their mind. Nowadays there are too many fake people and it has become almost impossible for me to trust someone. This would make it easier!
Photos by   Sylvio Testa  – Umberto Cairoli  – Marco Giro – Joakim Karlsson.  – Vladimir Cojarschi – Telaviver  –  Luca Gned  –  Alexey Trifonov  –  Mike Prado –  Sover Atlan  – Vincent Pierce  – Marcus Ezell  – Kenny Rolan